Salta al contenuto principale

Fiavè: allarme incendio

allo stabilimento Erika Eis

che produce krapfen

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 22 secondi

Allarme incendio ieri sera allo stabilimento Erika Eis di Fiavé. Erano le 20.30 circa quando sono intervenuti i vigili del fuoco per un denso fumo che usciva dalla struttura. Colpa di un cortocircuito ad un apparecchio che tiene al caldo i prodotti, in magazzino: il fumo ha invaso i locali e reso necessario un intervento di sanificazione per poter ripartire quanto prima con la produzione. «Il fine settimana siamo chiusi - spiega Alberto Bertolini, titolare con Luciano Degli Esposti dello stabilimento - Iniziamo già stasera (ieri, ndr) i lavori di pulizia e contiamo di riprendere la produzione regolarmente nei prossimi giorni. Non dovrebbero esserci problemi».

È da un anno e mezzo che tutta la produzione - gelati, torte, krapfen - è stata trasferita a Fiavé. L’edificio recuperato è l’ex caseificio di Fiavé, diventato Pinzolo-Fiavé e poi Pianzolo-Fiavé-Rovereto: 10mila metri quadri sui quali è stato fatto un investimento di sette milioni di euro. Trentacinque le persone che vi lavorano. Erika Eis è il secondo produttore in Italia di krapfen e la nuova linea ne produce 7mila all’ora. In questo periodo pre Carnevale la richiesta è tantissima. Ieri, dunque, non c’era nessuno al lavoro. Non appena scattato l’allarme, l’intervento dei vigili del fuoco di Fiavé è stato immediato. A loro si sono aggiunti i pompieri di Tione con l’autoscala ed i volontari di Lomaso che, tra l’altro, avevano appena iniziato l’assemblea ordinaria del Corpo e hanno subito lasciato i lavori per mettersi sui mezzi di soccorso e partire. Sul posto si sono subito portati i titolari Alberto Bertolini e Luciano Degli Esposti. Con loro anche il sindaco Angelo Zambotti e gli agenti della polizia locale Giudicarie.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy