Salta al contenuto principale

Aquila Basket, svaligiato lo store in centro

nella notte di San Silvestro

Portata via merce per almeno 10mila euro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 51 secondi

Colpo da migliaia di euro, a cavallo tra la fine del 2019 e le prime ore del 2020, nello store dell’Aquila Basket, nel cuore del centro storico del capoluogo.

I malviventi sono riusciti ad entrare nei locali del negozio di piazzetta Lunelli - tra vicolo San Marco e via San Pietro - facendo perdere poi le proprie tracce dopo essersi impadroniti di calzature e abbigliamento tecnico griffato Dolomiti Energia per un valore ancora da quantificare con esattezza, ma che secondo una prima stima potrebbe superare i 10mila euro.

Del furto si sono accorti ieri pomeriggio alcuni passanti che, transitando lungo il passaggio che da via San Pietro porta nella piazzetta, hanno notato la porta del negozio socchiusa. Notata subito l’anomalia della cosa, dato che il punto vendita era chiuso dalla tarda mattinata di martedì ed avrebbe dovuto riaprire domani (lo store resterà invece chiuso, per permettere una esatta quantificazione degli ammanchi), hanno allertato alcuni dirigenti societari, che a loro volta hanno chiamato il 112.

In piazzetta Lunelli sono giunti i militari dell’Arma del radiomobile della compagnia di Trento, assieme ai colleghi delle investigazioni scientifiche.
Ancora non è stato possibile definire come si siano mossi i malviventi e se la porta di ingresso sia stata forzata per entrare o sia stata lasciata aperta dai ladri in fuga. Quel che è certo è che un vetro dei locali del primo piano è stato mandato in frantumi con il lancio di una pietra, forse per capire se fosse in funzione o meno il sistema d’allarme.

Negli spazi al primo piano si trovano anche gli uffici della sede di Aquila Basket: i malviventi hanno frugato anche in quelle stanze, ma senza portare via nulla, preferendo concentrarsi sui prodotti esposti nel negozio e presenti nel magazzino: decine e decine le paia di scarpe da basket che ieri mancavano all’appello e che rappresentano la voce più consistente del bottino, ma sono state rubate anche canotte e t-shirt.

Ieri pomeriggio assieme alle forze dell’ordine il sopralluogo è stato curato dal general manager Salvatore Trainotti e dal responsabile commerciale Andrea Nardelli, che assieme allo staff dello store si sono occupati di una prima conta dei danni: «Dagli uffici non è stato portato via nulla - ha spiegato Trainotti - ci sono tracce che lasciano pochi dubbi sul fatto che i malviventi abbiano cercato anche in quei locali, ma la refurtiva è stata prelevata tutta dal negozio».

I carabinieri, dopo aver raccolto tutti gli elementi utili, tra cui anche le immagini delle telecamere presenti in zona, sono ora sulle tracce dei responsabili.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy