Salta al contenuto principale

Il trentino Battiston silurato

Il governo lo rimuove dall'Asi

Il messaggio di solidarietà di Ugo Rossi su Twitter

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 26 secondi

Roberto Battiston revocato dalla presidenza dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi). Lo rende noto lo stesso Battiston in un tweet.

«Oggi il Ministro Bussetti con mia sorpresa mi ha comunicato la revoca immediata dell’incarico di Presidente Asi. È il primo spoil system di Ente di Ricerca - ha scritto Battiston -. Grazie - ha aggiunto - alle migliaia di persone con cui ho condiviso quattro anni fantastici di spazio Italiano».

Nominato per la prima volta alla presidenza dell’Asi il 16 maggio 2014, Battiston era stato confermato nell’incarico il 9 maggio scorso. Nato a Trento nel 1956, sposato con quattro figli, Battiston è ordinario di fisica sperimentale all’università di Trento, presidente della Commissione II dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) per la Fisica Astroparticellare, ed è membro del Tifpa (Trento Institute for Fundamental Phisycs and Application), il nuovo Centro Nazionale dell’Infn.

Dopo la laurea in Fisica alla Scuola Normale di Pisa, si èperfezionato in Francia, all’Ecole Normale Superieure, e nel 1982 ha conseguito il dottorato presso l’Universita’ di Parigi IX, Orsay. Nel 1993 è diventato ordinario di fisica generale nell’universita’ di Perugia. Da oltre 20 anni è attivo nel settore spaziale, in particolare nella ricerca sui raggi cosmici e nel 1994, con il Nobel Samuel C.C. Ting ha proposto la realizzazione dell’esperimento Ams, il “cacciatore di antimateria” installato dal 2011 all’esterno della Stazione Spaziale Internazionale.

L'ex presidente della giunta Provinciale, Ugo Rossi, ha commentato poco dopo su Twitter esprimendogli solidarietà:

Sul caso, prime reazioni politiche in Italia: «Il governo del cambiamento si comporta come il governo Berlusconi». Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali dopo l’annuncio della rimozione di Battiston dalla presidenza dell’Agenzia Spaziale Italiana.

«Come nel 2008 - prosegue il leader di SI - l’allora ministra Gelmini cacciò dalla presidenza dell’Asi il compianto astrofisico Bignami, scelto da un search committee internazionale, oggi il governo Salvini-Di Maio usa gli stessi metodi. Non un soldo in più alla ricerca - conclude Fratoianni - solo imposizioni e occupazione del potere....»

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy