Salta al contenuto principale

Omicidio di via Maccani,

Mulas non risponde ai giudici

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

Si è avvalso della facoltà di non rispondere Salvatore Mulas, 56 anni, accusato dell’omicidio di Andrea Cozzatti, 44 anni, ucciso domenica sera da una coltellata alla schiena in un appartamento a Trento. Come richiesto dalla Procura, è stata confermata la custodia cautelare in carcere.

Ieri, invece, si è svolta l’autopsia: Cozzatti è morto dissanguato al termine di una lite che sarebbe nata all’esterno dell’appartamento di Mulas in via Maccani. Ulteriori analisi tossicologiche stabiliranno - entro 60 giorni - se i due, quella sera, fossero alterati da sostanze come alcool o droga.

Al suo avvocato, Stefano Daldoss, Mulas ha ribadito di essersi difeso perchè aggredito, dietro al suo gesto - ha detto - non ci sarebbe stata volontà omicida ma solo quella di difendersi dopo aver ricevuto un colpo alla nuca, forse con una bottiglia.

Una versione al vaglio degli inquirenti come altri elementi nuovi, forse la testimonianza di una terza persona che potrebbe aiutare a chiarire meglio le circostanze.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy