Salta al contenuto principale

Orsa uccisa, l'Oipa chiede

la riapertura delle indagini

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 46 secondi

A seguito della richiesta della Procura di Trento di archiviare l’inchiesta sull’uccisione dell’orsa Kj2, l’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali), che aveva presentato la denuncia, ha depositato una opposizione, portando nuove prove e spunti di indagine.

L’associazione - dice una nota - resta quindi in attesa della decisione del giudice per le indagini preliminari e, in caso il ricorso verrà accolto, sarà in aula a discutere le motivazioni che lo supportano, sperando che venga ordinata la proroga delle indagini o la formulazione dell’imputazione.

«Nonostante Kj2 sia stata barbaramente uccisa, portare avanti questa battaglia di giustizia fino alla fine è di fondamentale importanza per creare un precedente che impedisca l’emissione di future ordinanze ammazza-orsi», sottolinea Massimo Comparotto, presidente di Oipa Italia. «Ecco perché - aggiunge - agiremo in tutti i gradi di giudizio e continueremo a chiedere che venga dato il giusto peso all’uccisione deliberata di un animale innocente».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy