Salta al contenuto principale

Alimenti non pagati

Dal 2013 a Trento 200 casi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 52 secondi

Dal 2013 a oggi sono stati 200 i casi di violazione dell'obbligo di assistenza morale o materiale al coniuge o ai figli, accertate dalle indagini della polizia municipale del comune di Trento su segnalazione del servizio attività sociali. Di queste, 199 sono attribuite a uomini e la restante a una donna.

«Si tratta di comportamenti che, qualora non sia comprovata l'incapacità economica del genitore o coniuge - ha chiarito l'assessore comunale, Mariachiara Franzoia - comportano la reclusione fino a un anno o la multa da 103 euro a 1.032 euro».

Nel 2015 poi sono state verificate 62 dichiarazioni mendaci, finalizzate ad avere illegittimamente un alloggio pubblico e contributi integrativi al canone di locazione e 20 le persone che hanno dichiarato false attestazioni a un pubblico ufficiale in merito alla reale residenza anagrafica. A parlarne è stato anche il comandante della polizia locale, Lino Giacomoni, che ha spiegato che gli accertamenti sono relativi al sussidio economico chiamato «anticipazione dell'assegno a favore dei minori» deliberato dalla giunta nel 2012 per sopperire al mancato versamento dell'assegno di mantenimento e per garantire una vita dignitosa ai soggetti minori.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy