Salta al contenuto principale

La storia della matematica

in un ciclo di incontri

Al via giovedì 8 novembre all'Associazione Rosmini

Chiudi

Russel Crowe nel film "A beautiful mind"

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Sarebbe inimmaginabile lo studio dell’arte o della lingua senza la storia dell’arte o della letteratura. Si dà per scontato invece che la matematica possa essere studiata prescindendo dalla sua evoluzione storica. Eppure solo l’approccio diacronico permette di comprendere a fondo il valore e la centralità della matematica nell’ambito del sapere e della cultura. Se si risale alle fonti e alle origini dell’aritmetica e della geometria si comprende quanto sia infondata l’idea della matematica come disciplina puramente formale, quasi un gioco linguistico separato dalla realtà.

Quelle fonti ci dicono che aritmetica e geometria dei primordi non erano concepite allo scopo di descrivere fatti o cose del mondo esterno, bensì di individuare un fondamento della stessa realtà del mondo, ciò che permane nella variegata molteplicità delle cose e dei processi sensibili. Gli schemi che sono rimasti inalterati nella storia del sapere matematico consistono nella combinazione di procedure umane e dettami divini. Prisca theologia e prisca philosophia sono le matrici del sapere matematico.

Per questo l'Associazione culturale Antonio Rosmini ha organizzato La storia della matematica, un ciclo di incontri aperto a tutti i cittadini, in particolare ai docenti di ogni ordine e grado per i quali la Provincia Autonoma di Trento – Servizio Istruzione e Formazione professionale – ha riconosciuto l’Associazione Culturale “Antonio Rosmini” quale ente accreditato a tenere corsi di aggiornamento.

Gli incontri si svolgeranno alle ore 17 nella sala dell'Associazione culturale Antonio Rosmini in Via Dordi n.8.

Il programma:

Giovedì 8 novembre «La fortuna degli elementi di Euclide dall’antichità ad oggi», relatore il professor Lucio Russo dell'Università di Roma

Giovedì 15 novembre «Leonardo Fibonacci e la rinascita della matematica in Occidente» con il professor Enrico Giusti dell'Università di Firenze

Giovedì 22 novembre «Newton e l’inizio del calcolo», con il professor Massimo Galuzzi dell'Università di Milano

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy