Salta al contenuto principale

«Luca e Silvana»:

un film racconta

il loro sì speciale

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

Sembrava un sogno irrealizzabile quello di Luca e Silvana. Si amano e si sono amati oltre ogni difficoltà, oltre ogni pregiudizio, oltre ogni sindrome, anche quella di down. E così non si sono arresi e sono riusciti a sposarsi. Da oltre dieci anni i bolzanini Luca Di Biasi e Silvana Saudino hanno inseguito questo sogno e, dopo aver affrontato innumerevoli ostacoli, lo scorso gennaio sono finalmente convolati a nozze. Il regista Stefano Lisci racconta questa storia d’amore in un film, che ora arriva sul grande schermo.

«Ci siamo, il film è pronto dopo ben tre anni di lavorazione», annuncia il sardo e bolzanino d’adozione Lisci, già regista del film «Bar Mario». Entrambi i film sono stati realizzati dalla Cooperativa 19. Con rispetto e discrezione la troupe ha accompagnato la coppia durante questo percorso verso una vita assieme. All’inizio Silvana viveva ancora con i suoi genitori, mentre Luca abitava già con i servizi sociali non avendo più i genitori. Per vari motivi il matrimonio è stato rinviato di anno in anno, il loro amore però non è mai svanito, anzi. Luca è il più testardo dei due, mentre Silvana è la più estroversa. Quando lui si impunta, solo lei sa prenderlo per il verso giusto, nella vita di tutti i giorni, come anche durante le riprese. Alcune scene del passato sono state infatti ricostruite per poter raccontare la loro storia.

La prima tappa importante verso il matrimonio è stata il trasferimento nel loro appartamento comune, gestito dai servizio sociali nel centro di Bolzano. È così iniziata la loro vita assieme. La cinepresa ha seguito Silvana e Luca nel quotidiano, negli alti e bassi che capitano a tutti, come anche durante le vacanze estive al mare. Lo scorso gennaio i due bolzanini hanno finalmente potuto pronunciare il fatidico sì e intraprendere la tanto aspettata e meritata luna di miele in crociera.

Il sottotitolo della pellicola - realizzata con il crowdfunding e con il sostegno di Idm, Provincia e Comune di Bolzano , Mibact Siae Perchicrea e Lebnshilfe - mette in chiaro che si tratta di un «documentario» e non di una «fiction», perché racconta una storia d’amore vera, anche se speciale. Il risultato è un film garbato e poetico. «Luca e Silvana» ora farà il giro dei festival, per poi essere distribuito anche nei cinema. «Lavorare con loro è stato interessante, anche per questo aspetto di imprevedibilità. Un’esperienza davvero bella e unica», confessa Lisci.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy