Pandemia / Le regole

Green pass, dai ristoranti ai musei: ecco come funzionerà in Trentino il "semaforo" d'ingresso

Il dispositivo di lettura dei qr-code costa circa 700 euro, l'obbligo di certificazione per accedere a varie attività scatta il 6 agosto e ora bisogna stringere i tempi. Intanto preoccupa il ritorno di un paziente in terapia intensiva: è un 46enne che non era vaccinato

LA VIDEOSCHEDA Ecco cosa cambia per bar, ristoranti, piscine...
L'ORDINANZA Tutte le regole da seguire per le attività regolamentate
LA SITUAZIONE Trentino: quasi un mese senza decessi: i dati

TRENTO. Secondo le prime indicazioni fornite dalla Provincia, costerà 700 euro circa il dispositivo digitale di verifica dei green pass che sarà installato all'ingresso di uffici pubblici, case di riposo, musei e altri luoghi che fanno capo all'ente pubblico cui spetterà la copertura delle spese.

Green pass obbligatorio da venerdì 6 agosto: cosa prevede l'ordinanza di Fugatti

Arriva l’obbligo del green pass: da venerdì 6 agosto nei ristoranti e nei bar, ma anche in uffici pubblici, musei e case di riposo. Ecco le nuove regole precisate dall’80esima ordinanza Covid del presidente della Provincia, Maurizio Fugatti.



Il lettore del Qr-code è destinato (in via facoltativa) anche a bar, ristoranti e altri spazi privati in cui si potrà accedere soltanto se muniti di green pass, come previsto dalle norme nazionali che scatteranno il prossimo 6 agosto, lunedì.

In questo modo, come hanno spiegato ieri il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, e l'assessore Roberto Failoni, anche gli esercenti potranno evitare l'incombenza di controlli manuali che implicherebbero particolari disagi.

Il "semaforo", dunque, si potrà installare anche in bar e ristoranti, ma a spese dei titolari.

Per accedere nei vari luoghi, dunque, sarà necessario scansionare sul lettore (che in genere si troverà su un supporto all'ingresso) il qr-code del green pass utilizzando il telefonino oppure la versione cartacea, un po' come avviene in aeroporto da molti anni per la verifica delle carte d'imbarco.

A produrre in gran fretta i lettori di Qr code del Green pass è la Gpi, l'azienda trentina che per l'Apss gestisce anche il Cup.

E mentre nelle categorie economiche interessate non mancano perplessità e contrarietà, a Roma prosegue il confronto sull'estensione dell'obbligo di green pass ai viaggi in aereo e in treno (di lunga percorrenza): il dissenso della Lega per ora sembra destinato a rallentare la decisione, forse se ne riparlerà a settembre.

Anche sull'obbligo di vaccinazione degli insegnanti, peraltro già immunizzati per oltre l'80% dei casi, è il Carroccio a frenare, chiedendo di preferire la persuasione alla coercizione.

Nel frattempo, ieri il Trentino ha dovuto purtroppo registrare dopo alcune settimane il ritorno di un paziente in terapia intensiva: si tratta di un 46enne ricoverato a Rovereto.

Anche in questo caso, come sta accadendo più in generale in Italia, si tratta di una persona non vaccinata che è stata colpita da una forma severa di covid-19.

comments powered by Disqus