Salta al contenuto principale

Siamo nel 2020, un anno da fantascienza

Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

È iniziato un nuovo anno. Ma stavolta non si tratta di un anno qualsiasi tipo, che so, il 1997 o il 2005, qua si parla del 2020! Duemilaventi è un numero che ha spaventato chiunque sia nato negli anni ‘60.

Le aspettative su questa data erano tante. Io ero convinto che nel 2020 mi sarei mosso sul mondo col teletrasporto, e invece sono fermo sul divano col telecomando. È la filmografia che ci ha portato fuori strada. Nel telefilm Ufo (1970) si prevedeva un futuro con gente che viaggia su auto volanti per combattere astronavi a forma di minipimer. Invece mio cognato gira ancora con una Panda verde muschio (optional: sensori di parcheggio e un cappello di paglia), e l’unica cosa contro cui combatte è la retromarcia. Certo, un po’ di evoluzione c’è stata, tipo le automobili che si parcheggiano da sole. Ma a chi serve una macchina che si parcheggia da sola se non c’è parcheggio? Non per fare il pignolo, ma in quanto a tecnologia c’è da lavorare ancora molto. Un’altra invenzione sopravvalutata è l’auto che viaggia senza conducente.
Che senso ha mandare la macchina in vacanza da sola? Sono io quello stressato, non lei.

Da qualche parte ho letto che il 2020 è l’anno dei robot. Pare che la nuova intelligenza artificiale sarà sempre più vicina a quella umana. Stanno studiando dei computer che fanno finta di non vedersi.

Avete notato che tutti i film di fantascienza con una data nel titolo sono storia passata da almeno vent’anni? «1975 Occhi bianchi sul pianeta terra» con Charlton Eston è di cinquant’anni fa, «Spazio 1999» e «2001 odissea nello spazio» sono di vent’anni fa. C’è solo un film di fantascienza che ancora non fa parte del passato, è di Richard Fleischer: «2022 i sopravvissuti».

Qui si parla davvero del futuro. E chi saranno “i sopravvissuti”? Per capirlo appuntamento su questa rubrica tra ventidue anni. Se io ci sarò ancora. Ma soprattutto - vista la pochezza celebrale che inonda il web e che va aumentando - se ci sarà ancora qualcuno con la capacità di farsi una risata.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy