Lavoro / L'incidente

Operaia impigliata e trascinata per i capelli da un macchinario: è grave

Lesioni alla testa per una giovane dipendente di un calzaturificio di Asolo. Tre giorni fa la tragedia in un'industria tessile di Prato, dove è morta la 22enne Luana D'Orazio

PRATO Giovane madre muore in fabbrica: uccisa nell'ingranaggio

TREVISO. Un'operaia di 33 anni è rimasta gravemente ferita alla testa in un incidente avvenuto ieri in un calzaturificio ad Asolo.

La donna, per cause da accertare, è rimasta impigliata e trascinata con i capelli in un macchinario, riportando l'asportazione del cuoio capelluto della nuca.

Altri operai presenti sono riusciti a dare l'allarme, e a bloccare il macchinario.

Una dinamica, che fortunatamente con esito meno tragico, ricorda l'incidente nel quale è rimasta vittima tre giorni fa a Prato la 22enne
Luana D'Orazio.

La donna ferita ad Asolo è stata soccorsa e trasportata all'ospedale di Castelfranco: non sarebbe in pericolo di vita.

Le forze dell'ordine e i tecnici dello Spisal stanno lavorando alla ricostruzione della dinamica dell'incidente.

comments powered by Disqus