Salta al contenuto principale

Sci, Shiffrin doma anche l'Erta

Sul podio torna Marta Bassino

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

Micidiale come sempre, continua vincere la statunitense Mikaela Shiffrin che in 2’04’’75 si è imposta anche nello slalom gigante di coppa del mondo di San Vigilio-Plan de Corones sulla difficile e ripida pista Erta: Per lei è il 53° successo in carriera ed il decimo stagionale. Poi c’è la francese Tessa Worley in 2’05’’96 ma sul podio c’è anche l’Italia con la piemontese Marta Bassino, buona terza terza in 2’06’’32, 22 anni e quinto podio in carriera.

Continua così, in questa terza edizione del gigante altoatesino, la tradizione positiva per l’Italia: due anni fa vinse Brignone con Bassino terza e l’anno scorso Brignone era finita terza. Insomma, almeno una azzurra è sempre sul podio di San Vigilio. Oggi invece Federica Brignone ha chiuso in 2’07’’11 ed è finita solo sesta. Tutto a causa soprattutto di una prima manche fatta non all’attacco come avrebbe voluto. «Sono riuscita a fare solo un compitino. Non posso certo essere contenta di questa mia gara«, ha ammesso sincera Federica che ha perso il pettorale rosso di leader del gigante cedendolo a Shiffrin.

Per l’Italia c’è stato comunque un buon risultato complessivo con una ritrovata Francesca Marsaglia 14ª in 2’06’’73 mentre l’altoatesina Karoline Pichler, pettorale 42 e reduce da una lunga serie di infortuni, è riuscita a finire 16ª in 2’09’’00. Al centro della giornata azzurra c’è così Marta Bassino, ragazze minuta ma grintosa e tecnicamente fortissima. Ha 22 anni e da ragazzina si mise in luce vincendo i mondiali juniores. Poi sono arrivati i primi risultati con i cinque podi. Le manca ancor il successo ma, dopo averla vista oggi, rientra tra le aspirazioni non solo legittime ma anche realizzabili. «Ho attaccato soprattutto sul muro e mi sono buttata giù nella seconda manche, con il muro che era al buio , tutto in ombra. Sono felice ed emozionata. Ora si tratta di andare avanti», ha detto Marta pensando soprattutto all’appuntamento di febbraio con i Mondiali di Aare.

La Coppa del Mondo donne resta in Italia, tra le Dolomiti, e passa a Cortina d’ Ampezzo. Da venerdì a domenica sono in programma due discese, con la prima che recupera St. Anton, ed un superG. La giornata di giovedì prevede due prove cronometrate. La notizia è che torna in pista Lindsey Vonn.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy