Salta al contenuto principale

Giocatore ammonito tre volte

Pro Sesto Levico è da rifare

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 2 secondi

Pro Sesto-Levico Terme sarà rigiocata. Il giudice sportivo ha accolto il reclamo della società del presidente Sandro Beretta in cui dichiarava che nella gara giocata lo scorso 20 ottobre, nello stadio Breda di Sesto San Giovanni, il giocatore di casa Alessandro Gattoni venne espulso solo a seguito della terza ammonizione, comminata all’85’ dopo quelle del 20’ e del 75’. Per la cronaca il match si concluse con la vittoria dei milanesi per 3-1. Il giorno successivo alla partita, lunedì 21 ottobre, grazie anche alle immagini video pubblicate sulla pagina facebook di Bar Sport Italia, in cui in effetti si poteva notare chiaramente l’errore tecnico del direttore di gara, il sodalizio termale, tramite il suo legale Gianluca Pinamonti, ha sporto il reclamo. Un ricorso quindi andato a buon fine visto che, tramite un comunicato ufficiale della Lega Nazionale Dilettanti - Dipartimento Interregionale uscito ieri pomeriggio, il giudice sportivo ha disposto la ripetizione del match.

Decisiva, la dichiarazione dell’arbitro Davide Faraon di Conegliano, il quale con il proprio supplemento di referto inviato il 30 ottobre 2019, ha espressamente riconosciuto l’errore nel quale è incorso, affermando di «aver commesso un errore in buona fede, ammonendo per ben tre volte lo stesso giocatore».

«Credo che non abbiamo fatto niente di male sporgendo reclamo - commenta il presidente Sandro Beretta -, in queste settimana non abbiamo risposto alle uscite polemiche della Pro Sesto, mantenendo sempre un profilo basso e aspettando la risposta della giustizia sportiva, la quale ha valutato corretto il nostro ricorso. Spesso ci troviamo a criticare gli arbitri, ma questa volta il direttore di gara merita un plauso per aver dichiarato l’errore tecnico, fatto non da poco. Siamo consapevoli, oltre alla qualità degli avversari, che quando ritorneremo a Sesto San Giovanni per giocare la partita troveremo un ambiente molto ostile ma questa volta ce la giocheremo ad armi pari. Siamo fieri di essere una squadra “piccola” come ha dichiarato sarcasticamente la Pro Sesto in queste settimane».

Da parte sua la società lombarda ha emesso un breve comunicato: «Pur non condividendo- vi si legge - le motivazioni espresse - e con l’amarezza derivante dalla mancata rilevazione di tale fattispecie né durante né dopo lo svolgimento della gara da nessuno dei protagonisti - la società accetta quanto disposto. Società e squadra si impegneranno ancor di più per riconquistare quella vittoria meritata sul campo dello stadio “Breda” lo scorso 20 ottobre».
Nei prossimi giorni il Dipartimento Interregionale comunicherà la data per la ripetizione del match.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy