Salta al contenuto principale

Mondiali in Qatar e corruzione
Platini respinge le accuse

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

«Così fa male»: all’indomani del fermo per presunta corruzione nelle procedure d’assegnazione dei Mondiali di Calcio del 2022 al Qatar, Michel Platini, respinge le accuse. Garantendo di essersi sempre «sentito estraneo a qualsiasi fatto». «Sono sereno», dichiara l’ex presidente dell’Uefa, rispondendo al picchetto di cronisti che lo hanno atteso sino a tarda notte dinanzi agli uffici anticorruzione di Nanterre, alle porte di Parigi.

Davanti ai fari puntati delle telecamere, Le Roi ha i tratti tirati, il volto segnato da 15 ore di fermo nella banlieue parigina. «Sarei dovuto arrivare in libera testimonianza, invece sono arrivato in stato di fermo - deplora il francese, ripetendo più volte ai microfoni, che così »fa male...fa male... Sono sempre stato sereno, perchè mi sono sempre sentito estraneo a qualsiasi fatto«, assicura. Le ipotesi di reato sono corruzione, associazione per delinquere e traffico di influenze. Il sospetto dei magistrati riguarda quella che in molti indicarono come un’assegnazione inspiegabile dell’evento sportivo più importante, i mondiali di calcio al Qatar. »Un caso vecchio« , lo definisce lui, aggiungendo di essersi sempre espresso «in piena trasparenza su tutti i giornali». Mentre gli inquirenti continuano a «fare inchieste«, »cercano...».

Quanto all’interrogatorio, il sessantatreenne ex stella della Juve ritiene che »vista la quantità di domande, poteva solo essere così lungo. Mi hanno anche fatto domande sull’Euro 2016, la Coppa del Mondo in Russia, il Mondiale del Qatar, il Paris Saint-Germain, la Fifa...Ci sono stati molti, molti, argomenti.

Ho risposto tranquillo a tutto, senza sapere perchè ero lì...Bisognava rispondere a tutte quelle domande, l’ho fatto».
L’avvocato William Bourdon, che è rimasto al suo fianco fino a notte fonda, denuncia da parte sua »molto rumore per nulla« e ribadisce la totale innocenza dell’assistito. L’interrogatorio fiume, assicura, è legato perlopiù a »motivi tecnici».

A tessere la potente ragnatela di potere con il principe ereditiero e il primo ministro del Qatar fu Nicolas Sarkozy, questa l’ipotesi degli inquirenti, a partire da un pranzo all’Eliseo al quale partecipò anche Platini. Era il 23 novembre 2010, nove giorni dopo la Fifa cominciò lo scrutinio per l’attribuzione dei mondiali e favoriti erano gli Stati Uniti. Ma in quel pranzo, cambiò tutto. «Che Sarkozy abbia cercato di influenzare il voto, è pacifico», dice a radio France Info il vicedirettore del quotidiano L’Equipe nonchè biografo di Platini, Jean-Philippe Leclaire.

«Platini - aggiunge - ha sempre detto di non aver ricevuto un ordine formale da parte di Sarkozy ma che ci fu effettivamente un messaggio subliminale», se non addirittura »piu che subliminale«. Una volta sedutosi al tavolo dell’Eliseo, si è reso subito »conto che c’era il principe, il primo ministro del Qatar. Non essendo completamente idiota ha capito rapidamente quale fosse l’indicazione di voto«, conclude Leclaire.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy