Salta al contenuto principale

Il designatore degli arbitri:

«In Juventus-Milan

c'era un rigore netto»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 24 secondi

Il tocco di mano di Alex Sandro in Juventus-Milan era rigore. Lo ha chiarito il designatore Nicola Rizzoli durante il confronto arbitri-società, confermando l’errore di Michael Fabbri, il fischietto che ha mandato su tutte le furie il club rossonero e che ora rischia la panchina.

«La sua non è una decisione supportabile. Non ci sono stop, le persone che metto in campo devono essere in forma e in condizione di fare del proprio meglio», ha tagliato corto Rizzoli, giudicando invece corretto il penalty per mani di Manuel Locatelli in Lazio-Sassuolo, fischiato da Rosario Abisso, altro arbitro travolto dalle polemiche a fine febbraio in un rovente Fiorentina-Inter.

Nella seconda stagione del Var diminuiscono gli interventi dell’arbitro davanti al video: 121 (uno ogni 2.58 gare, l’anno scorso uno ogni 3.15), di cui 89 correzioni e 32 conferme.

Diminuiscono anche gli errori (18 a fronte di 1.984 situazioni sottoposte a check), da 1.02% a 0.91%. Aumentano invece ammonizioni (da 83 a 100) e espulsioni dirette per proteste (da 1 a 9), tornate ai livelli dell’ultimo anno pre-Var.

L’intera squadra arbitrale ha partecipato alla riunione a Milano. A due giorni dall’incandescente finale dello Stadium, Fabbri ha incrociato Romagnoli e Gattuso, uno dei dieci allenatori presenti, con Spalletti, Gianpaolo, Semplici, Andreazzoli, Maran, Tudor, D’Aversa, Pioli e Gasperini (gli altri hanno inviato i vice). Gli ultimi tre sono intervenuti nel confronto su Var, trattenute, sgambetti, fuorigioco e soprattutto di falli di mano. «Gli arbitri possono sbagliare ma abbiamo le idee chiare», ha assicurato Rizzoli, nella sala delle assemblee della Lega Serie A, davanti fra l’altro a De Rossi, Barzagli e Handanovic.

Sono stati esaminati vari episodi esemplificativi, fra cui il rigore su Piatek invocato dal Milan dieci giorni fa contro la Sampdoria: tutto regolare, ha detto il designatore, affiancato dal n.1 dell’Aia, Marcello Nicchi, al tavolo con i vertici di Figc (Gravina), Lega (Miccichè), Assocalciatori (Tommasi) e Assoallenatori (Ulivieri).

«Anche con la Var è di grandissima difficoltà arrivare a una soluzione definitiva sul fallo di mano - ha notato l’ad interista Giuseppe Marotta -. Forse il dialogo con l’Ifab, l’organismo che detta il regolamento, deve essere più proficuo: dal punto di vista politico dobbiamo farci sentire». Intanto Rizzoli ricorda che un rimpallo non esclude il fallo di mano: «Era un concetto vecchio. Se l’intenzione è impattare la palla col corpo e il braccio è largo, poco conta che rimpalli su un’altra parte del corpo. Se invece l’intenzione è di giocare la palla, marcare l’avversario o presidiare la zona, si propende per la non punibilità».

A sentire il designatore, se anche dovesse essere chiesta la prova tv per il calcio di Mandzukic a Romagnoli, non sarà punito l’attaccante juventino: «Se lo avesse reputato gesto violento, il Var sarebbe intervenuto dando il rosso». «È chiaro - è la conclusione di Semplici - che alcune decisioni prese sarebbe più corretto spiegarle anche al pubblico, che ci guarda da casa e usufruisce di questo spettacolo».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy