Salta al contenuto principale

Si tuffa nel Tevere e salva una donna:

«premiato» con il permesso di soggiorno

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

Un 32enne bengalese si è tuffato nel Tevere a Roma salvando una donna che aveva tentato il suicidio. La Polizia lo ha «premiato» concedendogli il permesso di soggiorno. L'episodio è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri sotto Ponte Sublicio, quando una donna di 55 anni si è gettata nel fiume. La scena è stata notata dall'uomo, che non ha esitato a scendere fino alla banchina per poi andare in acqua cercando di raggiungere la donna. A recupero effettuato, l’uomo – con la donna in salvo tra le sue braccia – è riuscito a riavvicinarsi alla riva del fiume. La donna è stata trasportata direttamente al pronto soccorso del Fatebenefratelli dal gommone dei Vigili del Fuoco. Il soccorritore è stato invece aiutato dagli agenti del Commissariato Celio, i quali, dopo averlo letteralmente tirato fuori dal Tevere, lo hanno accompagnato negli uffici di Polizia. In Commissariato l’uomo è stato rifocillato e fatto riposare; completamente “zuppo”, gli sono anche stati forniti abiti nuovi acquistati dagli stessi agenti. All’uomo – privo di regolari documenti – grazie al suo a dir poco encomiabile e meritorio comportamento, è stato rilasciato un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy