Salta al contenuto principale

Il cambio di insegnante
della mia bimba “speciale”

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 16 secondi

Il cambio di insegnante della mia bimba “speciale”

Egregio direttore, sono la mamma di una bambina disabile, che frequenta la scuola materna. Tralascio, per la tutela della privacy il nome di mia figlia e quello della scuola, precisando che si trova in un paesino a sud del capoluogo. Mi trovo a comunicare a Lei e quindi rendere pubblico il mio disagio. Questo è condiviso con altri genitori, di “bambini speciali”.
Confesso di essere molto amareggiata e preoccupata, perché nella scuola materna frequentata dal 2017 da mia figlia, che purtroppo ha difficoltà motorie e cognitive, è stata sostituita l’insegnante di sostegno. Questa insegnante ha seguito la bambina fino al giugno scorso, per due anni di seguito e grazie alle sue competenze, mia figlia ha fatto dei notevoli progressi, instaurando un rapporto di conoscenza e fiducia, sostenendola nei momenti crisi e nel rapporto con gli altri coetanei. È stato un grande lavoro, se così lo possiamo chiamare, anche se c’è di più nei rapporti umani con questi “bimbi speciali”, che ha portato mia figlia ad avere autostima e serenità. L’anno appena iniziato è per la bambina l’ultimo della scuola d’infanzia.
Lo ritengo particolarmente importante per il consolidamento delle sue conoscenze e delle relazioni, per prepararla ad affrontare il passaggio alla scuola elementare. Con mio grande dispiacere a fine agosto sono stata informata che mia figlia non sarà più seguita dall’insegnante dei primi due anni, ma da una nuova maestra. Mi sono preoccupata. La comunicazione è avvenuta con i moderni mezzi: un messaggio via WhatsApp alle ore 21 del 28 agosto. Su questo modo di comunicare affermo di trovarlo vergognoso. Considero che una nuova insegnante deve ricominciare tutta da capo, studiando da zero le problematiche che presenta la bambina e stabilire con lei e noi genitori un rapporto di fiducia.
Questo per la bambina, purtroppo comporta un ulteriore motivo di disagio. Il contratto dell’insegnate precedente era legato alla continuità didattica, fondamentale in queste situazioni, di cui la nuova insegnante non era a conoscenza. La nuova insegnante, mi è stato detto, ha la precedenza perché ha la specializzazione rispetto alla precedente, che ha una quasi trentennale esperienza. Assieme a tanti altri genitori ci troviamo a fare i conti con questa triste realtà, che rispetta le norme, ma non tiene conti dei bisogni e dei disagi che creano questi cambiamenti nei “bambini speciali”. Quello che ribadisco è la necessità, per i bambini con disabilità, di essere seguiti dal primo all’ultimo anno di scuola d’infanzia dallo stesso insegnante, privilegiando il rapporto umano alla burocrazia, perché si tratta di persone che necessitano di maggiori attenzioni.

Lettera firmata


 

Nella sua lettera ci sono un po’ tutti i paradossi del mondo della scuola. Paradossi che ognuno di noi, da studente  e da genitore, ha certamente provato almeno in una stagione della vita. Solo che la sua storia è profondamente diversa: perché per sua figlia la continuità didattica è un sentiero che può essere ripido e pieno di incognite o semplice e lineare. Io non so - e forse nemmeno lei lo sa - cosa stia facendo l’insegnante precedente (al di là del fatto che è stata “superata”, come mi scrive lei, da chi certamente ha i titoli per insegnare bene). Magari ha altre possibilità di carriera e può fare esperienze interessanti, anche se certo anche lei si sarà affezionata a sua figlia e a quella scuola. C’è però una cosa che so: un messaggino sul cellulare alle 21 del 28 agosto non è la risposta alle sue domande, alle sue aspettative (e a quelle di sua figlia), ai suoi legittimi desideri, persino ai suoi sogni. E so che la scuola del futuro dovrà cercare non solo di essere più attenta, ma anche di mettere (rimettere?) al centro gli studenti. Spero che sua figlia possa trovare la serenità perduta, ma spero anche che in sovrintendenza e in assessorato si fermino su ogni singola parola di questa sua lettera così piena di garbo e di legittima delusione.

a.faustini@ladige.it

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy