Salta al contenuto principale

Addio a Sabine Stricker

docente e fan del volley

muore all'improvviso a 53 anni

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

Il mondo accademico e la grande famiglia dell’Ata Volley piangono l’improvvisa scomparsa di Sabine Christine Stricker, collaboratrice ed esperta linguistica presso l’Ateneo di Trento e alla Libera università di Bolzano, morta a soli 53 anni per un malore improvviso. Il dramma è successo lunedì sera, nella sua casa di Trento: nonostante il tempestivo intervento dei soccorsi, purtroppo, per la donna non c’è stato nulla da fare.

Originaria di Schwaz, in Austria, la docente lascia tre figlie: Caterina, Emma e Sofia, tutte e tre atlete o ex atlete dell’Ata Volley di Trento, dove Sabine da anni era una presenza costante e preziosa.

Cordoglio e parole di stima anche tra i colleghi e amici del Centro linguistico di Ateneo e del Dipartimento di Lettere e Filosifia, dove la 53enne insegnava lingua e traduzione tedesca e letteratura tedesca. Oltre che a Trento Sabine Stricker insegnava presso la Libera università di Bolzano.
Il funerale sarà celebrato domani alle 11 al cimitero di Trento.

I ricordi e le testimonianze in un ampio servizio sul giornale in edicola.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy