Salta al contenuto principale

Niente lavoro nell'orto per i trentini

«Non rientra in attività ammesse»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 37 secondi

Dimenticatevi l’orto, se non siete agricoltori di prima o di seconda. L’attività agricola hobbistica non consente di derogare alle norme anti contagio.

A dare la brutta notizia a moltissimi trentini è stato Lino Giacomoni, comandante della polizia locale di Trento, in diretta Facebook nel corso della conferenza stampa della task force anti Covid.

«Coltivare l’orto - ha detto Giacomoni, che ha spiegato di essere in contatto via chat con tutti i suoi colleghi delle valli per garantire una applicazione uniforme delle norme - non rientra tra le comprovate attività lavorative, a meno che non si parli di agricoltori di prima o seconda, né nei motivi di salute né in quelli di stretta necessità. In conclusione, il lavoro agricolo, se è hobbistico non si fa».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy