Salta al contenuto principale

L'esperto professor Vespignani:

«Scordatevi vacanze e viaggi,

niente cambierà fino ad agosto»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

Sarà un’estate senza viaggi: «non sarà pensabile prendere l’aereo per andare in vacanza», «non sarà quello il mondo in cui ci troveremo». La scommessa è invece convivere con il virus SarsCoV2 e fare il possibile per evitare che una seconda ondata, ha detto all’ANSA il fisico Alessandro Vespignani, esperto di sistemi complessi e direttore del Network Science Institute della Northeastern University di Boston.

«Ora l’Italia è in un trend positivo, che speriamo di vedere rafforzato nelle prossime settimane, ma non correrei ad allentare le misure di contenimento perché i casi sono ancora molti». Per l’esperto la cosa più urgente è «fornire gli strumenti per uscire dall’emergenza nel modo più sicuro: non vogliamo tornare a una situazione pre-ondata» e per questo vanno evitare decisioni affrettate: «valutiamo settimana per settimana per guardare qual è il trend e decidere di conseguenza, sulla base della preparazione acquisita e delle misure che messe in campo». Per la fase 2 si potrebbe provare, per esempio, ad allentare alcune misure in alcune aree, «ma molto dipende dal modo come la popolazione risponde quando si comincia a tornare alla normalità». Di certo è «impensabile restare in una situazione come questa per mesi e mesi» e la chiusura di questa fase «potrebbe arrivare nelle prossime settimane, ma attualmente è impossibile dire quando».

Ci aspetta un lungo periodo di convivenza con il virus nel quale bisognerà continuare a rispettare la distanza di sicurezza e l’uso della mascherina: «queste regole, con il telelavoro, aiuteranno ad affrontare l’uscita». Di certo «la fase 2 continuerà a lungo. Non possiamo immaginare una guerra vinta perché avremo altre battaglie, né si può pensare di tornare alla normalità piena in luglio o agosto» e «servirà un’enorme cautela nei viaggi internazionali». In sostanza, ci troviamo davanti a «un processo che vedo per i prossimi 6-8 mesi».

La cautela è la prima arma per evitare una seconda ondata dell’epidemia: «è una sconfitta considerarla un dato di fatto», ha detto Vespignani. «Se domani tornassimo alla normalità, l’epidemia riprenderebbe il suo cammino. Finora abbiamo fatto sforzi incredibili per strangolarla e adesso la sfida è controllarla». Per questo bisognerà fare i test per ridurre i numeri attuali, solo dopo si potrà pensare a riaprire la produzione industriale e a ricominciare ad avere una mobilità interna. «Dobbiamo infine ricordare - ha aggiunto - che l’Italia ha due storie rispetto all’epidemia, con un Nord più colpito ma più preparato e un Sud con meno esperienza, che potrebbe rischiare di avere focolai che si muovono più velocemente. Occorre - ha concluso - un’enorme cautela».

Servizio di Enrica Battifoglia- Agenzia ANSA

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy