Salta al contenuto principale

Sulle Dolomiti pericolo

valanghe marcato

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 47 secondi

Temperature diurne miti e accumuli della neve causati dal vento contribuiscono a far innalzare il rischio valanghe sulle montagne del Veneto.

Da oggi a giovedì 2 gennaio il Centro Arpav di Arabba prevede rischio marcato (grado 3 su una scala fino a 5 punti) sulle Dolomiti, specie oltre il limite del bosco, e moderato (grado 2) sulle Prealpi. Il rischio maggiore sulle Dolomiti - spiega il bollettino - è dovuto alla possibilità di distacchi di lastroni 'da vento' già con un debole sovraccarico, ovvero il passaggio di un singolo sciatore, o un escursionista con racchette da neve. Gli accumuli si presentano lisci e opachi, sono presenti nelle conche e nelle piccole valli sottovento, in singole radure alle quote medio alte e nelle zone di entrata dall'alto dei canali ripidi.

Nei prossimi giorni è previsto bel tempo, con temperature miti in quota, e inversione termica nelle valli. La mancanza del freddo renderà più fragili i lastroni da vento, quindi l'innesco di valanghe potrà essere più facile.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy