Salta al contenuto principale

Rosmini, 11 prof in pensione

Sui banchi per salutare tutti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 8 secondi

Chi non si è commosso guardando quella scena finale dell’Attimo Fuggente, il fantastico film uscito nel lontano 1989 con Robin Williams: gli studenti davanto l’addio al loro professore alzandosi in piedi sul banco, e pronunciando quell’emozionato “O capitano, mio capitano” (no, per carità, nulla a che vedere con il ministro dell’Interno).

Ieri pomeriggio al Liceo Rosmini a mettersi in piedi sui banchi, e a salutare la loro scuola, sono stati, invece, un gruppo di professori. Un ciao e un addio, commosso pure il loro, anche al mondo dell’insegnamento, visto che ora si godranno la meritata pensione. L’idea l’ha lanciata il nostro fotografo Alessio Coser, e loro l’hanno presa con entusiasmo: «Ma sì dai, facciamolo. Anche se andiamo in pensione possiamo ben salire su un banco». Così, simbolicamente, hanno salutato la scuola, prima dell’ultimo Collegio Docenti e prima della festa con rinfresco organizzata per loro in serata nel cortile.

I pensionandi del Rosmini sono ben undici: Marinella Benso, Chiara Turrini, Roberto Dorigatti, Maria Moser, Lorenza Orsingher, Alberto Pedrotti, Antonia Putzer, Fiorenza Ciocchetti, Federica Melloncelli, Annamaria Recla e Gianpaola Cormun. Non tutti, come vedete nella foto, sono saliti sul banco: ma non per “protesta”, non perché non volevano salutare la loro scuola, semplicemente per assenza, considerato che il Rosmini è una scuola estremamente vasta e alcuni di loro erano impegnati in consigli, o in lezioni al carcere, o insegnano al serale e quindi non erano presenti.

«Sono qui dal ‘95 - ci racconta Maria Moser, prof di matematica e fisica - e questa scuola è parte di me. Mi dispiace lasciarla e lasciare i ragazzi, ma alla tristezza di fondo aggiungo anche un po’ di gioia perché avrò un po’ di tempo per me, ho delle cose nel cassetto che adesso potrò fare: voglio viaggiare, fare volontariato, ma anche imparare cose nuove».

Il volontariato sarà una delle priorità anche per Fiorenza Ciocchetti: «Qualche anno fa, a 60 anni, mi sono rimessa in gioco diventando insegnante di sostegno: un’esperienza che mi ha arricchita enormemente e mi ha permesso di creare dei bei rapporti con i miei studenti “speciali”».

«Io ho il contrabbasso da suonare, la banda di Civezzano da dirigere, e poi l’hobby del modellismo e della fotografia, oltre al giardino e alla casa da tenere a posto - sorride Alberto Pedrotti, prof di musica - e quindi le cose da fare non mancheranno. Quello che mancherà sarà il rapporto con gli studenti, lo stare ogni giorno in mezzo a loro facendo tante attività diverse».

Lorenza Orsingher, prof di storia dell’arte, è «un po’ triste, ma anche contenta perché porterò sempre con me dei ricordi stupendi dell’insegnamento e degli studenti».

«Sto malissimo, ho pianto in questi giorni - ci confessa Chiara Turrini, prof di Scienze umane ma anche conosciuta e apprezzata attrice -. I ragazzi sono un regalo di allegria e di bellezza. Mi hanno sempre dato l’energia per fare tante cose nella mia vita, e infatti le mie figlie mi dicono che io senza gli studenti morirò un po’ dentro. Ho voluto bene a tutti loro, ai loro piercing e alle loro creste, al loro essere provocatori, stravaganti e controcorrente. Sono qui dal ‘91, questa è casa mia, e per tutti questi anni abbiamo fatto attività, esperienze, spettacoli e qualche volta anche lezioni: un pezzo di vita condiviso con migliaia di ragazzi, è stato veramente bellissimo».

Un affetto verso i ragazzi che emerge dalle parole di tutti i prof. Un affetto ricambiato, visto che, ci dicono in molti, le lacrime in questi giorni al Tambosi le hanno versate anche i ragazzi per i loro prof. Anzi, per i loro “O capitano mio capitano”. Capitani che se ne vanno in pensione, ma per i quali in tanti sono stati disposti ad alzarsi in piedi sul banco.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy