Salta al contenuto principale

Ragazza violentata a Bolzano

non ci sono impronte sulla bici

ora si punta sull'esame del Dna

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

Non è stato possibile rilevare le impronte digitali utili a identificare l’uomo che lo scorso 6 maggio aveva violentato una studentessa quindicenne a Bolzano.
La procura di Bolzano ha confermato la notizia del quotidiano Alto Adige.

La ragazzina era stata aggredita da due uomini, probabilmente extracomunitari senza fissa dimora, mentre tornava a casa da scuola in sella alla sua bicicletta: uno l’aveva colpita ed era poi fuggito, l’altro l’aveva violentata. La bicicletta della ragazzina era stata inviata al laboratorio scientifico della polizia di Padova: le analisi tecniche, però, non hanno dato l’esito sperato. Sulla bici sono state rinvenute impronte con soli 7 punti utilizzabili, contro i 13 richiesti per un’identificazione scientificamente valida. Le impronte sulla bici, dunque, sono insufficienti. Le indagini ora proseguono, anche attraverso il Dna riscontrato sui reperti, per cercare di rintracciare il violentatore ed il suo complice.

LA NOTIZIA: Quindicenne violentata sul Talvera

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy