Salta al contenuto principale

Trentino: vendemmia 2018

si annuncia d'oro: +20%

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

I vigneti trentini tornano d'oro, mentre la vendemmia 2018, in pieno svolgimento, annuncia un incremento di oltre il 20% in quantità e un'ottima qualità delle uve. Il 4 settembre è stato pagato il saldo della vendemmia 2017. In media i 10 mila viticoltori trentini si trovano in cassa il 5% in più dell'anno precedente, con punte del 12,5% per le uve Teroldego, del 10% per il Lagrein, del 9,5% per lo Chardonnay, dell'8% per le uve base spumante Trento doc. In due anni la remunerazione media delle uve è salita da 104 a 114 euro al quintale, con un incremento del 9%. I prezzi dei vini all'ingrosso e all'esportazione confermano il trend di crescita, con aumenti anche a due cifre, mentre l'export vinicolo nel primo semestre sale del 2,4%. I risultati delle cantine e del consorzio Cavit, che aumenta ulteriormente il fatturato, si annunciano in crescita.
In contrasto con questo quadro, il Trentino, al contrario dell'Alto Adige, non piazza neanche un vino tra i primi cinquanta del Best Italian Wine Awards ( l'Adige di ieri). Ma il presidente di Cavit e del Consorzio Vini Bruno Lutterotti , impegnato nella vendemmia della sua Cantina di Toblino, sdrammatizza: «In queste manifestazioni chi partecipa sono le aziende. Dipende tanto dall'annata e dalle caratteristiche dei vini, i nostri sono un po' meno caratterizzanti di quelli altoatesini». In effetti neanche nelle precedenti edizioni del premio Trento era molto presente, con l'eccezione dello spumante Ferrari, mentre i vini trentini mietono riconoscimenti in altre manifestazioni.
«La vendemmia va molto bene - prosegue Lutterotti passando al lavoro che sta facendo - in Basso Sarca e Valle dei Laghi abbiamo dei bei prodotti. Questa settimana cominciamo con i rossi. Sarà un'ottima vendemmia dal punto di vista qualitativo con quantità superiori del 20-25% rispetto all'anno scorso. Lo stato sanitario è buono con qualche piccola criticità circoscritta». L'anno scorso le uve raccolte ammontavano a 983 mila quintali, in calo, a causa degli eventi meteo, rispetto al 2016 quando si raccolsero 1 milione 155 mila quintali. Quest'anno, stando alle stime nazionali e locali, si dovrebbero superare di nuovo gli 1,1 milioni e avvicinarsi a 1,2 milioni di quintali.
Di certo le remunerazioni stanno crescendo. In base ai dati della Commissione uve e graspati della Camera di Commercio su acconti e saldi di quest'anno riferiti alla vendemmia 2017, l'uva Pinot Grigio doc, che da sola è un terzo della raccolta, si attesta come valori massimi sui 130 euro al quintale, stabile sull'anno precedente. Lo Chardonnay invece, un quarto della vendemmia totale, cresce del 9,5% a 104 euro al quintale. Bene anche le uve spumante Trento doc a 135 euro: +8%. Il Sauvignon è a 120 euro (+9,1%), il Traminer a 180 (+9,1%), il Müller Thurgau a 95 (+3,3%).
Tra le uve a bacca rossa, il Teroldego è a 90 euro, +12,5%, quello Rotaliano a 130 euro, in crescita dell'8,3%. Il Merlot è a quota 85 euro (+6,3%), il Lagrein a 110 (+10%), il Marzemino a 110 euro (+4,8%), il Pinot Nero a 180 (+9,1%), la Schiava a 95 euro (+5,6%).

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy