Salta al contenuto principale

La dichiarazione dei redditi si farà on line: ecco come

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 47 secondi

730 on line«Benvenuto Mario Rossi», arriva la rivoluzione del 730 precompilato. E il fisco darà del tu al contribuente, con un modello che è lontano mille miglia dal vecchio modulo cartaceo. Di fatto la dichiarazione diventa un mini-sito personale nel quale molti spazi sono già riempiti con i dati in possesso del fisco e gli altri potranno essere integrati.

 

A svelare come sarà la nuova dichiarazione - che da sempre è uno dei momenti di maggiore difficoltà tra il cittadino e il fisco - è il governo che pubblica alcune schermate di un fac simile sul sito di Palazzo Chigi, quasi a sottolineare che l’operazione approvata in via definitiva è stata fortemente voluta dal premier Matteo Renzi.

 

Il governo fa anche alcune cifre e, il giorno dopo l’approvazione definitiva, mostra di essere già a buon punto nella progettazione della nuova dichiarazione, cui ha dedicato una presentazione. Chiaramente si tratta di un progetto in progress.

 

Si parte dal 2015. Entro il 15 aprile, oltre ai dati sui redditi da lavoro e di quelli immobiliari, il fisco indicherà da subito altre informazioni. Ci saranno gli interessi passivi sui mutui (per 3,2 milioni di dichiarazioni), i premi per le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni (per altre 4,2 milioni) e i contributi previdenziali (per 600 mila dichiarazioni). A conti fatti l’85% dei moduli precompilati conterrà anche una prima indicazione di detrazioni e deduzioni.

 

Bisognerà arrivare al 2016 per avere ancora più dati. Ci saranno, grazie alla tessera sanitaria, anche le spese mediche sostenute in ben 11,5 milioni di dichiarazioni. Ma verranno inserite anche le spese per l’istruzione (per 850 mila contribuenti) e le donazioni a Onlus (580 mila): benefici della tracciabilità dei pagamenti.

 

Ad essere beneficiati dalla compilazione da parte del fisco saranno - spiega il Governo - circa 20 milioni di contribuenti. Qualche dato di dettaglio lo ha fornito il direttore dell’Agenzia delle Entrate in una recente audizione.

 

I precompilati nel 2015 saranno 19.985.976 e di questi - viene stimato - 5,6 milioni (il 28,3%) riguardano modelli da confermare o modificare, 14,3 milioni (il 71,7%) moduli da integrare. Le percentuali scenderanno rispettivamente al 54,8 e al 45,2% già dal 2016; per poi arrivare al 2017 quando tutti i modelli saranno solo da confermare (o da modificare se errati).

 

La nuova dichiarazione, che sarà essenzialmente telematica, si presenterà con una interfaccia «friendly». In pratica basterà cliccare su pulsantini per integrare o modificare le singole caselle. Un pulsante con il punto interrogativo consente anche di approfondire. La «precompilata», poi, consentirà facilmente anche di scegliere a chi donare l’8 e il 5 per mille.

 

Ma soprattutto nella schermata finale, la sintesi è indicata in un solo numero, ben evidenziato. Sarà l’ «importo delle imposte» da pagare oppure - è il caso più frequente nel 730 - l’ «importo da rimborsare». Esulta il premier Matteo Renzi, che sulla semplificazione della dichiarazione dei redditi punta molto. Ma a smorzarne gli entusiasmi, l'esilarante parodia di Crozza-Bergoglio:

 

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy