Salta al contenuto principale

Università e Portland insieme

per il Teatro della Meraviglia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 48 secondi

Una serie di focus ed iniziative dedicate all'esplorazione del nostro universo e dei linguaggi che lo descrivono, coinvolgendo oltre alla fisica (approccio indagato anche gli scorsi anni), tante altre discipline: dalla sociologia ai future studies, dalla letteratura antica, all'arte, fino all'informatica.

Queste le coordinate del Teatro della Meraviglia il Festival, giunto alla sua quarta edizione, previsto dal 19 al 29 febbraio al Teatro Sanbàpolis , che vuole raccontare la scienza attraverso le emozioni del teatro. Il «Teatro della Meraviglia», che prevede quattro spettacoli teatrali, sei «augmented lecture», e una mostra, è una rassegna promossa dall'Università di Trento (con il Laboratorio di Comunicazione delle Scienze fisiche del Dipartimento di Fisica), dal Teatro Portland e dall'Opera Universitaria, con la collaborazione della Compagnia Arditodesìo, mentre la direzione artistica e scientifica è affidata ad Andrea Brunello e Stefano Oss .
Il Festival si aprirà mercoledì 19 febbraio alle 20.30 , orario d'inizio di tutti gli eventi, con una delle augmented lecture, Meraviglia, Lucrezio e noi di e con Zeno Gaburro (Dipartimento di Fisica) accompagnato dal musicista Enrico Merli , seguita da Rocco Scolozzi (Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale) e dall'attore Giulio Federico Janni che proporranno I futuri sono nostri e ce li coltiviamo noi!

Le lecture continuano venerdì 21 con La biosfera, la famiglia e l'economia circolare: storie del quotidiano, ma guardando più lontano di e con Luca Fiori (Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica) insieme all'attore Giacomo Anderle . A seguire La bellezza computazionale della Natura , una lezione aumentata di Alberto Montresor (Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell'informazione) accompagnato dal musicista Carlo La Manna . Le lezioni continueranno giovedì 27 con Contronatura. Dalla cenere al fuoco di e con Paolo Tosi (Dipartimento di Fisica) insieme all'attore e comico Mario Cagol . La stessa sera, spazio anche alla lecture: Lucienne, Perreca e le onde gravitazionali con in scena il fisico Antonio Perreca insieme alla figlia, l'attrice Lucienne Perreca . Venerdì 28 il Festival si sposta al Teatro Portland per un evento dedicato ad altri ricercatori e ricercatrici dell'Ateneo trentino, raccontati da Progetto Apollo, un gruppo di universitari e universitarie che da alcuni anni si dedicano allo storytelling scientifico.

Quattro gli spettacoli teatrali a partire da quello del 20 febbraio con IncoScienza. Riflessioni scientifiche sull'Universo di Carlo Costantino , messo in scena dal duo comico I Papu (Ramiro Besa e Andrea Appi) che invitano il pubblico ad avvicinarsi alla scienza con fiducia e con il sorriso spiazzandolo mentre toccano temi come il ruolo della scienza, le leggi naturali e la meccanica quantistica.

Sabato 22 l'attrice Giuliana Musso proporrà Qualcosa d'Invisibile - Concerto per theremin, pianoforte e parole : con lei, Leo Virgili (theremin) e Giovanna Pezzetta (pianoforte).
Nel Teatro della Meraviglia anche uno spazio dedicato a Nikola Tesla , un'icona della scienza moderna che quando era in vita veniva considerato un pazzo da silenziare: Il Funambolo della Luce di e con Ciro Masella , mercoledì 26 , racconterà come uscire dagli schemi possa essere molto pericoloso.

La compagnia trentina Arditodesìo chiuderà il Festival sabato 29 con Fly Me to the Moon uno spettacolo di Andrea Brunello , con Laura Anzani e Ettore Distasio , per la regia di Fabrizio Visconti, che porta, senza celebrazioni gratuite, la platea nel fantastico mondo delle missioni Apollo e della corsa verso la Luna.
Nel foyer del Teatro Sanbàpolis per tutta la durata del Festival sarà allestita la mostra Estetica del Codice: Programmatori dell'Arte con opere di Arte procedurale, curate dai programmatori-artisti dell'Istituto Tecnico «Guglielmo Marconi» di Verona.
Per ulteriori dettagli e prevendite teatrodellameraviglia.it.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy