Salta al contenuto principale

Roby Facchinetti:

"Mia Bergamo

rinascerà dal dolore"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 58 secondi

Una città che soffre. In un silenzio irreale, in uno spazio irreale. Bergamo, una delle zone d'Italia più duramente colpite dall'emergenza coronavirus. "Mi affaccio alla finestra e mi stupisce quest'aria pulita che avevamo dimenticato, mi fa paura questo silenzio, perché l'unico suono che si fa spazio è quello delle sirene delle ambulanze". Si commuove Roby Facchinetti, recluso da oltre venti giorni nella sua casa della città lombarda. Come tanti, ha dovuto fare i conti con lutti inaspettati: un cugino e un caro amico. E poi tanti, troppi conoscenti che se ne sono andati senza potersi scambiare un ultimo saluto.
    "Siamo tutti uguali davanti al virus. Ogni chiamata che ricevo è un drammatico bollettino di nuovi contagi o di morti, ormai ho timore quando squilla il telefono. E la frase che sta diventando sempre più ricorrente tra noi è: speriamo di rivederci. Così, senza aggiungere altro, perché c'è solo questo da augurarsi", racconta l'ex Pooh, provato dal dolore, dalla rabbia, dalla tensione e dalla paura. "Ma è il terrore il sentimento che più di altri ci appartiene in questo momento - dice, con un filo di voce -. Per quello che può succedere alle nostre famiglia, alle persone care. Uscire di casa è come camminare su un terreno minato. La situazione non è tragica, di più. Al cimitero c'è una lista di due mesi, gli ospedali sono al collasso, medici e infermieri, veri eroi ed eroine, sono allo stremo. Ed è destabilizzante il non sapere quando tutto questo finirà: siamo impotenti e ci chiediamo, senza avere risposta, dov'è Dio in questo momento". Quel Dio delle città che, come mai prima di oggi, ci fa essere e sentire "Uomini Soli", come cantavano proprio i Pooh.
    In questa situazione così drammatica, Facchinetti si è rivolto a ciò che da sempre lo ha aiutato nei momenti più belli e in quelli più bui della sua vita: la musica. "Quando, qualche giorno fa, ho visto le immagini dei camion militari che portavano via le bare da Bergamo, ho pianto a dirotto. Sono passati a 50 metri da casa mia: ho immaginato che ci potessero essere anche i miei cari lì. Un'immagine che mi ha distrutto emotivamente - continua ancora nel suo racconto straziante -.
    Avevo bisogno di esserci in qualche modo, di reagire, di fare la mia parte con quello che so fare. E allora mi sono messo al piano e in 5 minuti è nato un brano dedicato a Bergamo al quale ho dato un titolo che fosse un'esortazione a farcela: 'Rinascerò, rinascerai'. La musica è evasione e abbiamo bisogno di non pensare per un po' a quello che sta succedendo, o almeno di pensarci meno".
    Composta la musica, serviva un testo che fosse tutt'uno con lo spartito. Facchinetti ha chiamato l'amico di sempre e collega Stefano D'Orazio (romano, ma bergamasco d'adozione), che nel giro di qualche ora ha messo giù un testo sincero, commovente, sensibile, pieno di fiducia e di rispetto per chi sta soffrendo.
    "Stefano mi conosce benissimo, e conosce altrettanto bene Bergamo e la sua popolazione. Ho trasferito a lui i miei sentimenti a parole e con la musica. Il risultato è un omaggio alla città ferita, che saprà rinascere. Anche per questo per i cori ho voluto amici bergamaschi, riuniti grazie alla collaborazione di Daniele Vavassori, e le chitarre del finale sono suonate da Diego Arrigoni, il chitarrista dei Modà, anche lui di Bergamo".
    "Bergamo è la mia seconda città - racconta Stefano D'Orazio - ci ho vissuto gran parte della mia vita artistica e la porto nel cuore. Quando Roby mi ha chiamato singhiozzante mi sono messo subito al lavoro". Una citazione di Dante a "riveder le stelle", "perché alla fine anche noi riusciremo ad uscire dal nostro Inferno, anche se niente forse sarà più come prima. Sperando di imparare a dare più importanza ai sentimenti e non agli interessi". E un auspicio a tornare "a fidarci di Dio". "Che sembra il grande assente - ammette D'Orazio -, ma non possiamo credere di essere stati abbandonati".
    Il brano, arrangiato da Danilo Ballo con il mixaggio di Marco Barusso, sarà disponibile (per Sony Music) da domani e sarà accompagnato da un video con immagini della città montate con i volti di coloro che hanno partecipato al progetto, tra cui il personale ospedaliero, medico, infermieristico di Bergamo, il mister e i giocatori dell'Atalanta. I proventi saranno interamente devoluti all'ospedale della città Papa Giovanni XXIII per l'acquisto di attrezzature mediche.
    E sabato 28 marzo RTL 102.5 dedicherà dalle 8 alle 9 uno spazio speciale all'iniziativa "Una canzone per Bergamo", con Facchinetti e D'Orazio in collegamento per raccontare come è nato il progetto; parteciperanno anche personalità della città di Bergamo come il sindaco Giorgio Gori, Giorgio Pasotti, Sofia Goggia e altri. 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy