Salta al contenuto principale

L'oro di Gioia Di Biagio

prima dei Cardamomò

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

La rassegna «Apparizioni» si chiude oggi all'ex chiesetta del parco Miralago a Riva con due proposte: la performance di e con Gioia Di Biagio Io mi oro , sull'arte giapponese del Kintsugi (inizio alle ore 21), e a seguire il concerto dell'eclettico quartetto Cardamomò .

Domani, 24 agosto, Gioia di Biagio sarà in biblioteca la mattina (inizio alle ore 11.30) a parlare del suo libro Come oro nelle crepe. Così ho imparato a rendere preziose le mie cicatrici (Mondadori), in dialogo con Ginetta Santoni (evento a cura della biblioteca civica di Riva del Garda con la collaborazione dell'associazione Andromeda).

«Io mi oro» è una toccante esperienza basata sull'arte giapponese del Kintsugi, in cui le ceramiche rotte vengono riparate riempiendo le crepe con dell'oro, rendendole ancora più preziose e belle. La protagonista, affetta dalla sindrome di Ehlers Danlos (la sua pelle è iperelastica, fragile, si rompe facilmente ed è difficile da cicatrizzare) si propone come un vaso da riparare, in modo da non vergognarsi delle ferite (anche quelle dell'anima) per poterle esibire senza imbarazzo, come parte della propria storia e personalità. Gioia Di Biagio ha partecipato col suo progetto «Fragile» alla Triennale di Milano e a molti festival artistici; di recente la regista Cristiana Capotondi le ha dedicato un cortometraggio; Gioia Di Biagio ha pubblicato a giugno del 2018 il libro «Come oro nelle crepe» (Mondadori).

A seguire ci sarà un concerto dei Cardamomò, eclettico quartetto con voce, violino, organetti, fiato e chitarra. La band propone un repertorio ricercato e retrò, di chansons francesi, pezzi onirici e un po' folli, balli balcanici, canzoni di altri tempi.

I Cardamomò ( Antonia Harper , voce e violino; Gioia Di Biagio, organetto e glockenspiel; Marta Vitalini , organetto e percussioni; e Ivan Radicioni , voce, fiati e chitarra) nascono nel 2010 come progetto musicale, per poi unire alla performance video-proiezioni, teatro delle ombre e racconti. Si esibiscono in numerosi festival di teatro e musica e in locali rinomati tra cui il Platoon Kunsthalle di Berlino e la Casa del Jazz di Roma. Nel 2012 esce il loro primo album "Cardamomò". Nel 2013 musicano i racconti di Concita De Gregorio nello spettacolo "Manchi solo tu" in scena al Teatro Valle.

Il videoclip "Valse de Meduse" (2012), realizzato con la tecnica delle ombre cinesi e la motion graphics, si aggiudica svariati premi e nomination in festival di video e animazione in Italia e all'estero. Lo spettacolo multimediale "Valse de Meduse Show" debutta nel 2014 a Parigi mentre l'album colonna «Valse de Meduse» (2014) è stato scaricato in cinque continenti e ha venduto più di 2000 copie. Recentemente hanno concluso il loro nuovo album «Vive la vie».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy