Salta al contenuto principale

Multe durante il funerale

«Quel vigile si vergogni»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

«Se ha una coscienza il vigile, dovrebbe vergognarsi». È l’amaro sfogo di Sandro Nicolodi a poche ore dall’addio alla moglie Ornella Dorigotti. Mercoledì pomeriggio l’uomo ed il resto della famiglia sono stati letteralmente circondati dall’affetto delle tante persone che hanno voluto partecipare al rito funebre celebrato nella chiesa di Santa Maria Assunta a Villa Lagarina, paese d’origine della donna morta a soli 54 anni. All’uscita dalla celebrazione però molti di loro si sono ritrovati sul parabrezza della loro auto una multa per aver parcheggiato al di fuori degli spazi segnalati.

«C’era davvero tanta gente al funerale» racconta Sandro Nicolodi, a cui naturalmente aveva fatto piacere incontrare lo sguardo e le strette di mano di così tante persone in un momento così difficile. «Per forza di cose c’erano automobili ovunque in paese. Ed all’uscita molte persone che erano venute al funerale si sono ritrovate la multa, in un momento come quello. Io credo che il vigile in prima persona ma anche tutta la giunta comunale di Villa Lagarina debba vergognarsi per quel che è stato fatto. Capita di vedere auto dappertutto anche quando si fa una festa in paese, ma in quei casi multe non ne vengono date mentre ad un funerale sì».

Al momento del dolore per questo addio, la famiglia Nicolodi ha dovuto aggiungere anche questo dispiacere per le sanzioni per divieto di sosta che ora dovranno pagare tutte quelle persone arrivate a Villa Lagarina per portare la loro testimonianza d’affetto.
«Le regole vanno rispettate» risponde in modo pacato ma altrettanto determinato la sindaca di Villa Lagarina Romina Baroni, chiamata in causa. «Certo, ci vuole buon senso, ma vanno applicate sia nel caso di una manifestazione che di un funerale. Questo è quello che io, come sindaco, posso dire. Ma sono pronta ad accogliere chi ha qualcosa da dire a questo riguardo. Li aspetto in municipio, non mi sottraggo certo al confronto e non rispondo nemmeno a chi scrive sui social anziché venire a parlare di persona».

La sindaca Baroni mercoledì pomeriggio non era in paese e di questa vicenda è venuta a sapere quando è stata interpellata da l’Adige. «Farò le opportune verifiche - continua - ma il principio generale resta quello che le regole vanno rispettate. Anche perché a Villa Lagarina i parcheggi ci sono: gli impianti sportivi, dove sono disponibili numerosi posti auto, distano un soltanto minuto a piedi dalla chiesa. Potevano essere utilizzati anche in questo caso. Ma tutti vogliono poter mettere la macchina in piazza o comunque vicina alla chiesa. Ho presto anch’io le mie multe, anche solo per aver lasciato l’auto fuori dagli stalli mentre partecipavo alla giunta, e le ho pagate. Ripeto sono disponibile al confronto, ma non posso riprendere i nostri agenti perché hanno fatto rispettare le regole».

Forse - ci permettiamo di dire - sarebbe bastata qualche indicazione in più da parte del vigile prima della celebrazione. Sarebbe stato un segno di rispetto del dolore altrui.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?