Cimitero, i conigli

sono «imprendibili»

L'intervento per catturare le colonie di conigli del cimitero è cominciato ieri sul fare della sera. Un gruppetto di una ventina di volontari della Lav (Lega anti vivisezione) e di altre associazioni animaliste si è messo all'opera con l'obiettivo di catturare qualche esemplare che da mesi imperversa tra tombe e loculi del camposanto. L'obiettivo sarebbe quello di portare a termine l'operazione entro Ognissanti, ma molto dipenderà naturalmente dalla voglia delle bestioline di farsi catturare e dall'abilità dei volontari Lav di stanarli. Fino a questo pomeriggio non è stato catturato nessun animale

Ciclabile Trento-Pergine

nuovo progetto «rapido»

11082012223

La Provincia cambia rotta e dopo decenni di vane attese intende sbloccare il progetto di pista ciclabile da Trento a Pergine, in una versione «minimalista» e dunque sostenibile sul piano finanziario. «Abbiamo dato mandato agli uffici tecnici affinché predispongano uno studio alternativo all'ipotesi precedente che era particolarmente costosa. L'idea di fondo è di utilizzare in buona parte la viabilità minore esistente fra la città e la Valsugana», spiega l'assessore alle infrastrutture e all'ambiente, Mauro Gilmozzi

Venti milioni di euro

per dissetare le mele

_DSC2727_5704744.jpg

Dalla valle di Sole alla val di Non per dissetare i meleti. Un progetto dal costo di venti milioni di euro per realizzare una «condotta» da 34 chilometri, in grado di portare dal Rabbies l'acqua necessaria a oltre duemila ettari di frutteti, da Cles a Cunevo. L'opera però dovrà essere sottoposta alla Via (Valutazione di impatto ambientale), come stabilito dalla Provincia. Contrari all'impianto i comuni di Rabbi e di Malè

I tuoi commenti

Colpito da un pannello

di cemento, è grave

Pronto soccorso

Grave infortunio nella tarda mattinata di oggi a Cadine: un 68enne del posto, mentre stava seguendo l'evolversi dei lavori di ristrutturazione della sua abitazione, è stato colpito da un pannello di cemento cadutogli addosso dall'alto. Colpito alla testa, è stato trasferito al Santa Chiara di Trento: si trova in rianimazione in prognosi riservata

Frutta e verdura «abusive»

Nei guai un ambulante

Ieri mattina la polizia locale ha sequestrato oltre 700 chilogrammi di prodotti ortofrutticoli messi in vendita da un ambulante che sostava ininterrottamente da oltre due ore su via Degasperi con il proprio autocarro. Tale comportamento, in violazione all'articolo 53, comma 1 della legge provinciale 30 luglio 2010 n. 17, prevede il pagamento in misura ridotta di una sanzione amministrativa di 3mila euro e il sequestro della merce ai fini della confisca

Invalidi in Trentino

1.241 italiani, 102 stranieri

parcheggi invalidi

In Trentino ci sono 1.242 invalidi civili italiani, 19 comunitari e 83 extracomunitari. Sono 1.075 gli invalidi civili assoluti italiani, 10 comunitari e 46 extracomunitari. Sono 975 i minori invalidi italiani, 17 comunitari e 79 extracomunitari. I dati sono stati forniti dall'assessora provinciale trentina alla sanità, Donata Borgonovo Re, in risposta a un'interrogazione del consigliere leghista Claudio Civettini in materia di immigrazione

Palazzetto, auto svaligiate

durante il match di volley

parcheggio palazzetto palatrento

Amara sorpresa, domenica sera, per alcuni spettatori della partita di volley dell'Energy T. I. Diatec: al ritorno nel parcheggio del Palatrento hanno scoperto che le loro automobili erano state visitate dai ladri. La Trentino Volley conferma di aver ricevuto a sua volta qualche segnalazione dei furti avvenuti durante il match d'esordio contro Padova, andato in scena alle 18

Troppo alcol in corpo,

denunciati cinque trentini

SF0300000000YE2.jpg

I carabinieri di Lagundo hanno denunciato cinque trentini, di età compresa fra i 31 e i 63 anni, per aver causato disordini in ristorante. Dopo aver consumato alcol in abbondanza, avevano iniziato ad assumere comportamenti molesti nei confronti degli altri avventori del locale. Prima di abbandonare il locale, hanno sferrato i boccali vuoti contro il vetro della porta d'ingresso, mandandolo in frantumi.

emi :

In questa situazione c è solo da capire chi è il coniglio tra le due parti in questione..

22-10-2014 23:38
Bertol Bruno :

Facciamolo tornare, a codizione che "ci porti su da Roma" tutti i soldi dei suoi ricchi bilanci...

22-10-2014 23:27
Dan TN :

RIDICOLI! Il coniglio va eliminato. Di certo non è una razza in estinzione ed ha tassi di...

22-10-2014 22:26
Thomas :

La politica dei piazeroti in cambio di voti é dura a mollare,ma ora con meno soldi neanche...

22-10-2014 22:23
poero#2 :

SCANDALO!!1!!11
BISOGNIA DENUNCIARE LA LAV PER IL GRAVE SPAVENTO KE ANNO KUSATO AI POVERI...

22-10-2014 21:58

 

 

 

 

Raffiche di vento

Danni a Rovereto

vento

Raffiche di vento fortissime ieri notte hanno causato diversi danni a Rovereto, costringendo i vigili del fuoco volontari a diversi interventi. Il più grave è avvenuto in via Schio, dove alcuni frammenti di una copertura in amianto si sono staccati da un edificio in via Santa Maria, andando a cadere sulla strada attigua, senza però fare danni a cose o persone. Pompieri, polizia locale e tecnici del Comune hanno messo in sicurezza l'area per evitare nuovi distacchi

Tema in classe:

chi uccideresti?

avvocati avvocato tribunale sentenzaProponevano agli alunni temi choc, come quello in cui chiedevano loro se preferivano uccidere prima mamma o papà. Poi c’erano i riferimenti sessuali, con frasi del tipo «il sesso è quando i vostri papà si fermano per strada con le prostitute di colore». E in classe, a turni di dieci minuti, si facevano massaggiare il collo e le spalle. Atteggiamenti che per la procura di Ivrea, che ha raccolto la denuncia di alcuni genitori, non hanno rilievo penale, ma che hanno spinto l’Ufficio scolastico regionale del Piemonte a sospendere due maestre, di 58 e 60 anni

Addio a Lilli Carati

Icona sexy italiana

caratiNel suo film forse più noto, "Il corpo della ragassa", incontra un pigmalione che tenta di trasformarla dalla grezza cameriera Teresin in un raffinato giocattolo sessuale. In un equilibrio sottile tra erotismo e porno, che ha segnato per anni la carriera di Lilli Carati, morta a 58 anni. Una vita segnata però soprattutto dalla droga, quando il suo nome, sogno di tanti adolescenti degli anni '70, cominciò a comparire più nelle pagine di cronaca nera che in quelle dello spettacolo, tra un arresto, una condanna e pure un tentato suicidio mentre era detenuta nel carcere di Varese

 

Guarda il video