Gdf, sequestrati a Trento 10 kg 

di hashish e arrestate due persone

 

Cane antidroga

Nell’ambito di un piano disposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Trento volto alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti, un’ulteriore attività di controllo dei principali accessi dell’hinterland delle città di Trento e Rovereto, con l’ausilio di unità e postazioni mobili della Guardia di Finanza in borghese ed in divisa, ha permesso di intercettare a Trento sud, nella serata di ieri, due corrieri di origine maghrebina che trasportavano 10 kg di hashish, occultati nella scocca di un’autovettura di media cilindrata

Iva, nel 2014 rimborsi

per 102 milioni di euro

agenzia delle entrate di Trento

Nei primi nove mesi del 2014, la Direzione provinciale dell'Agenzia delle Entrate ha erogato rimborsi Iva per 102 milioni di euro. Sono stati validati, inoltre, rimborsi Ires/Irpef (da deducibilità Irap) per 1,6 milioni di euro, prendendo l'impegno di lavorare, entro la fine dell'anno, le rimanenti 5.800 istanze presentate. In corso di lavorazione anche i rimborsi di imposte dirette da dichiarazione e da istanza per il 2010 e il 2011

«Alto Adige: la salvezza

è il distacco dall'Italia»

klotz

Eva Klotz critica la trattativa finanziaria tra Bolzano e Roma. «La Svp - afferma la consigliera provinciale - ripete l'errore commesso con l'Accordo di Milano», ovvero rinunciare a soldi in cambio di più autonomia. «Appena l'inchiostro era asciutto, l'Italia ha violato l'accordo», commenta Klotz. Secondo l'esponente della Suedtiroler Freiheit, «l'unica alternativa e salvezza per l'Alto Adige è il distacco dall'Italia»

 

I tuoi commenti

Attrezzi da giardinaggio

rubati, due denunciati

avvocati avvocato tribunale sentenza

Tutto è nato da una segnalazione giunta al 112. Due persone scendono da un’autovettura nei pressi della Ss 47 e si allontanano lasciandola incustodita. Un comportamento che viene notato da alcuni residenti della zona che decidono di chiamare i carabinieri. Sull'auto c'erano attrezzi da giardinaggio rubati poco prima

Il serial killer di Bolzano

vuole tornare in libertà

Marco Bergamo

Marco Bergamo, il serial killer di Bolzano che sta scontando l'ergastolo per l'assassinio di cinque donne tra il 1985 e il 1992, vuole tornare in libertà. In una lettera firmata di suo pugno e indirizzata alla Corte d'assise d'appello e alla procura di Bolzano, ha chiesto un'applicazione retroattiva delle norme che, dopo il suo processo, hanno consentito di usufruire del rito abbreviato anche a chi, come lui, rischiava la pena dell'ergastolo. All'epoca della sua condanna, infatti, non vi era la possibilità di scegliere il rito abbreviato che commuta la pena dell'ergastolo in 30 anni di carcere

 

I tuoi commenti

Al Maffei di Riva

i liceali migliori d'Italia

libri

Gli studenti del liceo Maffei di Riva del Garda sono più preparati rispetto ai coetanei che frequentano gli altri licei del Trentino, del resto d'Italia e di alcuni Paesi esteri culturalmente avanzati quali il Giappone e la Corea del Sud. A dirlo sono i risultati di «Pisa» (Programme for International Student Assessment), un programma internazionale a cadenza triennale che si focalizza su Lettere, Matematica, Scienze, il problem solving

Cresce in Europa

il fronte anti Germania

merkel e renzi

«Rispetto la decisione di un Paese libero e amico come la Francia, nessuno deve trattare gli altri Paesi come si trattano degli studenti». Lo ha detto Matteo Renzi a Londra rispondendo alle polemiche sulla decisione di Parigi di rinviare il rientro al 3%. «Io sto con dalla parte di Francois Hollande e Manuel Valls» ha aggiunto. In Europa cresce il fronte anti Merkel

 

Dite la vostra

Cles, incidente in ciclabile:

molto grave una persona

elicottero a cles

Gravissimo incidente questa mattina sulla pista ciclabile di Cles. La dinamica dell'evento è ancora sconosciuta: quello che è certo è che una persona ha subito un trauma ed è stata trasportata in ospedale a Trento in condizioni molto gravi. Il fatto è accaduto poco prima delle 10. Il ciclista coinvolto nell'incidente ha 71 anni, è bolognese e faceva parte di una comitiva. Si trova già in sala operatoria per un grave trauma cranico

Fugge a posto di blocco,

gli trovano munizioni a casa

carabinieri

È finita con la denuncia per detenzione di munizionamento da guerra e furto aggravato un movimentato episodio avvenuto a Riva del Garda, protagonisti due giovani di Malcesine (Verona). I due, a bordo di una moto, non si sono fermati all'alt dei carabinieri impegnati in un controllo notturno in viale Dante, a Riva. Ritrovato il mezzo, risultato rubato, i militari sono risaliti ai due giovani, un quindicenne e un diciannovenne entrambi residenti a Malcesine, noti alle forze dell'ordine per reati legati alla droga e per reati predatori. A casa del maggiorenne sono state trovate munizioni risalenti alla seconda guerra mondiale

adler :

Solo in Italia uno che ha ucciso 5 persone "vuole"

02-10-2014 17:14
Renato da Arco non italiano :

Ognuno deve essere libero di decidere del suo futuro. Chi impone a qualcuno qualcosa è fascista...

02-10-2014 17:11
Un trentino :

I test PISA sono l'occasione di un confronto serio fra studenti di tutto il mondo su discipline...

02-10-2014 17:11
gigio :

proibiamo la prostituzione ed esaltiamo i trans. siamo in un mondo alla rovescia. non c'è un...

02-10-2014 17:08
@ Francesco - Riva del Garda :

sono stato anch'io in Thailandia in quei posti che hai girato Google Hearth - ma che cos'è una...

02-10-2014 16:58

 

 

 

Trentino incivile 

verso noi trans

palazzo sede Provincia piazza Dante

L'amarezza di Samuel (l) e Daves per lo stop al ddl contro l'omofobia. «A Londra - scrive -  è naturale passeggiare per Sloane Street incrociare noti stilisti gay felicemente sposati e genitori felici che spingevano assieme la carrozzina di figli altrettanto sereni, parimenti a splendide coppie etniche con ragazzi di colore felicemente in coppia con bionde inglesi purosangue. Un tripudio di libertà, rispetto, dignità moderna formale e sostanziale»

Lega trentina spaccata,

Divina sfiducia Fugatti

divina e fugatti

Fugatti e Divina. I due uomini che assieme hanno fatto la storia recente della Lega Nord Trentino si ritrovano uno contro l'altro. In palio c'è la guida del Carroccio. Nell'ottobre del 2005 Sergio Divina, all'epoca consigliere provinciale e commissario straordinario della Lega Nord Trentino, scelse e lanciò come segretario del partito Maurizio Fugatti, un giovane che si era fatto largo nel movimento e che era stato per un periodo il suo portaborse. Nell'ottobre del 2014 Divina, oggi senatore, vuole riprendere in mano in prima persona i destini del Carroccio e si candida alla segreteria proprio contro Fugatti, la sua «creatura»

Cles, ogni giorno

50 mila veicoli

«Le politiche da attuarsi per lo sviluppo della mobilità sostenibile avranno come effetto la riduzione del traffico sui tre principali assi che penetrano verso il centro: via Marconi, via Trento e via Degasperi. Tre strade oggi percepite come insicure, dequalificate e fortemente trafficate da parte della cittadinanza, per le quali vanno studiate progettualità mirate a convertirle in assi urbani attrezzati con spazi per la mobilità lenta, arredi e social points ampliati ed arricchiti»