Salta al contenuto principale

Sacchetti: «Allenare la Nazionale

è un sogno che si avvera»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 49 secondi

Ideale passaggio di testimone a Cagliari tra l’attuale e il prossimo ct della nazionale di basket, che affronterà l’Europeo sotto la guida di Ettore Messina ma poi sarà affidata a Meo Sacchetti. È stato il presidente della Fip, Gianni Petrucci, a voler legare presente e futuro degli azzurri durante un momento della preparazione al torneo continentale, che si sta svolgendo proprio nel capoluogo sardo, in una terra dove il prossimo commissario tecnico ha raccolto grandi risultati alla guida della Dinamo Sassari.

«È un sogno che si realizza, il raggiungimento di un importante obiettivo professionale», le prime parole di Sacchetti alla presentazione ufficiale, seduto a fianco di Petrucci e Messina. «Voglio ringraziare tutte le persone che sono state importanti per me, tutti i giocatori che mi hanno permesso di vincere, hai bisogno di loro per ottenere i risultati», ha proseguito il neo ct, che, emozionato, ha ricordato le sue importanti esperienze a Capo d’Orlando, Udine, Brindisi, Fabriano, Castelletto Ticino e Sassari dove ha conquistato scudetto e triplete. Sacchetti ha rivelato che la telefonata che gli apriva le porte della Nazionale gli è arrivata proprio da Messina. «Ero in macchina - ricorda - e per me è stato un fulmine a ciel sereno».

«Mi sono innamorato di Sacchetti per la sua normalità, mi piacciano gli allenatori normali. E bravo, sa vincere, ha vinto tutto. Quando l’ho chiamato mi ha detto subito sì - ha detto il presidente della Fip, spiegando spiegando le ragioni che hanno portato alla scelta -. Proprio Messina ha fatto il nome di Sacchetti».

«C’erano molti candidati - ha sottolineato Messina -. Man mano che ci si confrontava, i profili che rispondevano alle esigenze della Federazione si restringevano e la scelta è subito diventata Meo. È certamente la persona più adatta ad allenare la Nazionale. Gli faccio una grande in bocca al lupo a lui e a tutto lo staff».

Durante la presentazione, il neo Ct ha anche ritirato il premio legato all’inserimento del suo nome nella hall fame. Sacchetti, che «è stato nazionale e ora è allenatore della nazionale», come ha ricordato egli stesso, esordirà alla guida degli azzurri il 23 novembre contro la Romania, primo impegno del girone D delle qualificazioni al Mondiale 2019

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?