Salta al contenuto principale

Djokovic stende un eroico Nadal

un quarto di finale eccezionale a Roma

Una partita spettacolare risolta dalla grande solidità del serbo numero uno al mondo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

Novak Djokovic doma un Rafa Nadal arrembante e approda alle semifinali degli Internazionali BNL d’Italia. Non tradisce le attese il 49esimo episodio della saga fra i due assi della racchetta, sul Centrale del Foro Italico, gremito in ogni ordine di posti: 75 76(4) il punteggio con cui dopo 2 ore e 25 minuti avvincenti, da tenere tutti con il fiato sospeso, si è imposto il numero uno del mondo, che così si porta sul 26 a 23 nel computo degli scontri diretti (avendo vinto undici degli ultimi dodici testa a testa, unico successo di Rafa nella finale del Roland Garros 2014). Insomma, il 28enne di Belgrado allunga la sua striscia di successi consecutivi al Foro Italico a 13 incontri e adesso, dopo aver eliminato il sette volte re di Roma, può concretamente pensare a un tris di trionfi consecutivi in riva al Tevere.

La cronaca. Turni di servizio inizialmente rispettati fino al 2-2, quando Nadal piazza un break (due errori di dritto del serbo, dopo una contro smorzata di rovescio del maiorchino) che lo proietta sul 4-2. Nel settimo game il numero 1 del mondo riesce a tenere la battuta dopo aver mancato quattro palle game, una delle quali dopo la discussione con l’arbitro di sedia Carlos Bernardes. E nel gioco seguente Rafa recupera da 0-40, si procura una chance per il 5-3, annullata da una risposta di dritto di Djokovic, che aggancia il 4-4. E poi, dopo un game molto intenso, sale sul 5-4, ripreso comunque dallo spagnolo. I due si affrontano su ritmi sempre più alti, incitati a gran voce dai rispettivi tifosi, e sul 6-5 Nadal annulla tre set point, ma al quarto deve arrendersi alla solidità del rivale, che si difende con le unghie e sotto rete ha il riflesso giusto per chiudere la frazione dopo 1 ora e 12 minuti.

Il secondo set si apre con il break di Nadal, che quindi sale sul 2-0. Al cambio campo del 2-1 lo spagnolo chiede l’intervento del fisioterapista per un problema al piede sinistro, però tiene la sua battuta risalendo da 0-30. Rafa mantiene il break di vantaggio andando a servire sul 5-4, tuttavia non bastano cinque palle set per pareggiare i conti e al termine di un game durato la bellezza di 11 minuti Nole acciuffa il 5-5, per poi portarsi anche 6-5. Nadal incassa il colpo, vince a zero il turno di servizio e rimanda l’esito al tie-break: un concentrato di emozioni e colpi di altissimo livello, che vede sempre in vantaggio il serbo, bravo a chiudere 7 punti a 4 dopo due ore e 25 minuti di grande tennis, per molti una finale anticipata. E Djokovic, sotto gli occhi di genitori, coach Boris Becker e Marian Vajda, può alzare le braccia al cielo, come se avesse vinto il titolo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy