Salta al contenuto principale

Austria, sì alla legge che vieta

il velo islamico alle elementari

Protesta la comunità musulmana

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

L'Austria mette al bando il velo islamico per le bambine nelle scuole primarie in quanto simbolo di sottomissione.

Lo ha deciso a maggioranza ieri il Consiglio nazionale, l'equivalente della nostra Camera dei deputati, con i voti dei partiti della coalizione di governo, il centro-destra del Övp e l'estrema destra del Fpö.

La legge vieta "che si indossi un tipo di abbigliamento basato su motivi ideologici o religiosi associato alla copertura della testa" che impedisca la vista "di tutti o di parte dei capelli".

Viene fatta eccezione per chi copre la testa per ragioni mediche, per il turbante dei ragazzi Sikh e per la kippà ebraica. Secondo un portavoce del Fpoe, la legge vuole essere "un segnale contro l'islam politico".

Colpire i simboli, del resto, è l'intento dichiarato senza mezzi termini dal deputato dell'Övp Rudolf Taschner: il velo delle bambine è un simbolo di sottomissione e toglierlo "un modo di liberarle dall'assoggettamento", ha detto il deputato secondo quanto riferisce il quotidiano austriaco Der Standard.

Contraria ovviamente la comunità islamica, secondo la quale "il divieto del velo nelle scuole elementari porta prima di tutto alla segregazione e alla discriminazione delle ragazze musulmane", ha dichiarato il presidente della Comunità islamica Iggoe, Uemit Vural.

La legge discrimina perché fa riferimento esclusivamente al velo islamico, ha denunciato.

La possibilità che ci siano ricorsi alla Corte costituzionale non è da escludere, ha ammesso lo stesso cancelliere Sebastian Kurz.

Critiche alla legge sono arrivate anche dal partito liberale Neos: i danni potrebbero essere maggiori dei vantaggi, dal momento che le bambine musulmane potrebbero essere associate in blocco ai regimi autoritari di Iran o Arabia Saudita e potrebbero essere stigmatizzate rispetto alle coetanee, ha avvertito la deputata Irmgard Griss.

Con il voto di ieri alla Camera si conclude un iter iniziato più di un anno fa, quando il cancelliere Kurz aveva messo per la prima volta in cantiere il progetto di vietare il velo alle bambine delle elementari, giustificando l'iniziativa con la necessità di "evitare la formazione di società parallele".

Il procedimento era poi passato dal divieto del velo per le bambine dell'asilo, varato lo scorso autunno. Anche il precedente governo austriaco aveva a suo tempo proibito il velo integrale nei tribunali, nelle scuole e in altri luoghi pubblici, vietandone l'uso anche agli agenti di polizia, ai giudici e ai procuratori della Repubblica.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy