Salta al contenuto principale

Il cancelliere Kern: «Mai contro l'Italia»

E sul Brennero: «No emergenza migranti»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 13 secondi

«Serve più sensibilità nei confronti dell’Italia». Lo ha detto il cancelliere austriaco Christian Kern al quotidiano viennese Presse am Sonntag dopo una telefonata con il premier italiano Paolo Gentiloni.

Il leader dei socialdemocratici ha ammonito il suo ministro degli Esteri e leader dei popolari Sebastian Kurz: «Così non va, non possiamo posizionarci contro l’Italia», ha affermato, anche in riferimento alla funzione tutrice di Vienna nei confronti dell’Alto Adige. Kern ha poi definito «comprensibile» il rammarico di Roma.

Per il cancelliere austriaco, «al Brennero viene messa in scena un’emergenza che non esiste». «Ancora oggi - ha detto a Presse am Sonntag - dai Balcani arrivano più richiedenti asilo che dal Brennero. Una chiusura del Brennero colpirebbe soprattutto l’Alto Adige».

IL BLOG DI RENZO MOSER

Secondo Kern, Vienna «deve stare attenta a non finire in un gruppo con Viktor Orban e la Lega Nord. Chi è contro tutti, resta solo. La reputazione dell’Austria non va messa a rischio per una campagna elettorale», ha aggiunto in riferimento alle prossime elezioni.

 Il tema migranti «va tenuto fuori dal dibattito pubblico e dalla campagna elettorale austriaca», ha detto Kern. «La politica estera e la diplomazia vanno fatte a porte chiuse», ha aggiunto.

Kern ha comunque criticato il sindaco di Lampedusa, definendo «inaccettabile» il paragone del ministro degli Esteri Sebastian Kurz con «un naziskin».

In Austria si voterà il prossimo 15 ottobre.

Salva

Salva

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy