Salta al contenuto principale

Indumenti per Belgrado

«Refresh» a Sociologia

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 37 secondi

Dal 23 al 27 febbraio il collettivo studentesco Refresh - quello che a Trento si è reso protagonista delle proteste contro i vertici dell’Università e della Provincia (accusati di sprecare soldi per la nuova biblioteca centrale e di pensare poco al bene degli iscritti all’ateneo) e dell’occupazione del Cial - andrà a Belgrado.

Si tratta di una trasferta annunciata. E gli studenti del collettivo sono a Sociologia hanno promosso la raccolta di indumenti che verranno portati all’associazione indipendente «Are You Syrious?» che si occuperà di trasportare i vestiti in Serbia.

«Per motivi di spazio e trasporto, possiamo raccogliere solo certi tipi di indumenti».

Vengono raccolti:

- guanti
- calze e calzini
- sciarpe
- cappelli e cappellini

Sono indumenti per maschi sopra i 14 anni».

Sono in gran parte minori non accompagnati e vivono in uno stato di totale abbandono privati della loro dignità, sprovvisti di cibo, elettricità e acqua corrente

«I confini degli Stati lungo la rotta balcanica stanno diventando sempre più impenetrabili - hanno scritto nei giorni scorsi. Questa è la volontà dell’Unione Europea, che lo scorso 18 Marzo 2016 ha siglato con la Turchia degli accordi in tale direzione.

Malgrado ciò, i muri, il filo spinato e i manganelli non sono riusciti ad arrestare questo flusso. L’area balcanica è ancora teatro di violenze, deportazioni, respingimenti, rastrellamenti e rapimenti ai danni dei/delle migranti che tentano di attraversarla.

Chi si trova in Serbia oggi cerca di muovere verso nord, imbattendosi in centinaia di chilometri di reti e filo spinato, pattugliati da polizia e civili fascisti e xenofobi ungheresi (talvolta assieme). Lungo i confini si verificano giornalmente respingimenti che vedono il ricorso indiscriminato a cani d’assalto, violenze sistematiche e pratiche di tortura.

Non è raro quindi incontrare migranti che raccontano di essere stati respinti più volte e che ora si trovano nella capitale serba abbandonati a se stessi, ostaggio delle infami politiche europee in materia di immigrazione.

Attualmente in condizioni igieniche disumane, tra spazzatura e fumi tossici dentro ai vecchi magazzini della stazione centrale di Belgrado, sono presenti circa seicento migranti di origine principalmente afgana o pakistana. Sono in gran parte minori non accompagnati e vivono in uno stato di totale abbandono privati della loro dignità, sprovvisti di cibo, elettricità e acqua corrente.

 Ciò che viene loro faticosamente garantito è frutto del lavoro di gruppi di volontari indipendenti, di associazioni e di Medici Senza Frontiere che, nonostante le continue pressioni della polizia e del governo serbo, riescono a garantire loro un pasto al giorno e provano a sopperire alle enormi esigenze di chi si trova a vivere i condizioni disumane.

Lo scorso gennaio due compagni del Collettivo sono scesi a Belgrado, attraverso l’associazione veronese «One Bridge to Idomeni», che opera in loco organizzando staffette di volontari che da gennaio si sono impegnati a scendere ogni fine settimana per monitorare la situazione e per portare aiuti umanitari».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy