Salta al contenuto principale

Vigolana in lacrime per Gloria Valcanover

Papà Tullio: «Era la continuazione della mia vita»

Oggi pomeriggio, ore 17, il funerale a Bosentino

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi
«Gloria ora sta correndo, sta correndo qua e là nel paradiso. Speriamo che ci faccia un sorriso e ci aiuti». Si aggrappa alla fede, papà Tullio Valcanover: prega, stringe la mano fredda della figlia, non riesce ad immaginare la vita senza la «sua» Gloria. «Era la continuazione della mia vita. E adesso non c’è più», sussurra.
 
L’appezzamento di terreno in cui si è verificato l’infortunio mortale (I fatti) dista poche centinaia di metri dall’abitazione della famiglia Valcanover, in via Miralago a Bosentino, dove ha sede anche l’azienda agricola. Domenica pomeriggio, Gloria - ventidue anni, fresca di laurea triennale in Scienze e tecnologie alimentari, un entusiasmo contagioso per la vita, per lo studio, per il lavoro, per la sua terra - stava raccogliendo le ciliegie assieme ai suoi familiari (erano presenti il papà Tullio ed il fratello Michele) e ad alcuni collaboratori.
 
Era alla guida del trattore a cui era attaccata la piattaforma mobile utilizzata per cogliere la frutta sui rami più alti, e nella fase di spostamento del mezzo il terreno avrebbe ceduto: il trattore è rotolato per una quindicina di metri e la giovane sbalzata sul terreno. Un impatto così devastante da non lasciare alcuna speranza ai soccorritori. Gloria è morta sul colpo ed i familiari, per starle accanto fino all’ultimo, ieri hanno allestito la camera ardente in una stanza dell’azienda destinata solitamente ad ospitare un piccolo punto vendita.
 
Tullio per tutta la giornata di ieri è rimasto accanto al feretro di sua figlia, nella camera ardente. Sempre a stringerle le mani, a sussurrarle le parole dolci e piene dell’amore di un padre per una figlia. Sempre a chiedersi, quasi a volerlo gridare contro il Cielo, «perché», per quale inspiegabile e inaccettabile disegno tutto questo si è dovuto compiere. Non ha voluto allontanarsi da Gloria se non per qualche breve istante perché - ha confidato con una dolcezza struggente a chi lo invitava a riposare - «è con lei che devo stare, perché poi non la vedrò più».
 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy