Salta al contenuto principale

Fca, la successione di Marchionne

a tempo debito

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

Sergio Marchionne non lascerà in anticipo Fca. Il manager, arrivato a Torino nel 2004, manterrà la carica di amministratore delegato del gruppo fino alla primavera del prossimo anno quando l'assemblea degli azionisti approverà i conti 2018. E il suo successore verrà dall'interno del gruppo, come il presidente John Elkann e lo stesso Marchionne hanno più volte detto. Tocca a Fca smentire le indiscrezioni su una possibile accelerazione dell'addio e sull'arrivo di Vittorio Colao, il manager che per dieci anni ha guidato la Vodafone.

"E' destituita di ogni fondamento la notizia, diffusa da Dagospia - precisa un portavoce dell'azienda - secondo cui Vittorio Colao dovrebbe sostituire Sergio Marchionne, recentemente sottoposto a una operazione chirurgica, alla guida di Fca. Come già più volte dichiarato dalla società, è previsto che l'avvicendamento avvenga a tempo debito, con una soluzione interna a seguito di un preciso processo decisionale da tempo in corso". Marchionne - ha comunicato l'azienda due settimane fa - ha subito un intervento chirurgico alla spalla destra ed è previsto un periodo di convalescenza. Sul resto massima riservatezza. L'ultima apparizione pubblica è stata a fine giugno in occasione della consegna della Jeep Wrangler all'Arma dei Carabinieri.

Non è ancora chiaro se l'ad sarà presente alla conference call con gli analisti in programma il 25 luglio, quando saranno resi noti i conti del secondo trimestre 2018.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy