Salta al contenuto principale

Tre studenti liceali

in trappola nel web

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 31 secondi

Domani sera (ore 21), al Teatro San Marco, il Teatro del Buratto di Milano propone un interessante spettacolo, promosso dal Servizio alla cultura del Comune di Trento in collaborazione con Il Teatro Quisquilie. Il lavoro, dalla tematica attuale, intitolato «Nella rete» tratta in modo parallelo e sincrono la storia di tre studenti liceali (Giulio, Francesca e Elena) che vivono in maniera diversa la stessa esprienza: l’insidia della rete, che è, allo stesso tempo, il loro mondo e il loro modo di camminare nella realtà.

Sono ragazzi che si muovono tra una realtà reale e una realtà virtuale dove possono mentire e ricreare loro stessi, essere diversi o più veri, ed incontrare altre persone che mentono a loro volta; ma chi sono? E chi incontrano? Questi ragazzi che, nascosti da uno schermo, riescono ad aprirsi e a sentirsi illusoriamente intoccabili, sono i protagonisti di tre storie, segnate da cyberbullismo, sexting, e uso sregolato della rete, di social network, internet o giochi. Si parla quindi dei rischi legati a ogni situazione che consenta di far emergere e di soddisfare i bisogni più profondi e inconsapevoli: si sperimentano parti di sé che potrebbero sfuggire al controllo, soprattutto quando si dispone di uno strumento di comunicazione che consente di rimanere uomini e donne senza volto, una condizione che potenzialmente può favorire la comparsa di comportamenti guidati da una minima morale.

Il video creato per lo spettacolo da Carlo Maria Fusani sottolinea il ritmo narrativo e inventa attraverso forme, segni, linee intrecciate, colori e movimento, l’emotività spesso nascosta dei protagonisti. Testo e regia sono di Renata Coluccini; recitano Gabriele Bajo, Benedetta Brambilla e Marta Mungo. Interessante per gli studenti è la possibilità di avere un biglietto agevolato a 4 euro, oltre alla replica che verrà fatta per le scuole il 10 novembre alle ore 10.45 (prenotazione alla pagina «La scuola va a teatro»).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?