Salta al contenuto principale

I rapinatori irrompono nella villa a Caldonazzo. Coniugi 70enni minacciati. Il marito reagisce e li mette in fuga

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Due rapinatori, pistola in pugno, hanno fatto irruzione domenica sera in una villa di via Vegri a Caldonazzo. Hanno staccato la corrente, sono entrati in camera da letto, dove marito e moglie settantenni stavano guardando la televisione, e hanno mostrato l’arma senza dire nulla. Il padrone di casa, seppure ferito alla testa, ha sferrato un pugno allo stomaco ad uno degli sconosciuti: una reazione che ha evidentemente sorpreso i  malviventi, subito fuggiti via.

A Caldonazzo è iniziata la caccia all’uomo. Erano da poco passate le 23 e in via Vegri sono arrivate l’ambulanza e le pattuglie dei carabinieri.
Nell’abitazione, nota come «Ca’ Storta» per l’originale architettura, vivono Natalina e Ottorino Pompermaier.

Entrambi sono stati accompagnati al pronto soccorso del Santa Chiara; lei, 73 anni, sotto shock, lui, 76 anni, con una profonda ferita alla testa. Tra la vittima e uno dei rapinatori è infatti scoppiata una breve colluttazione. I coniugi hanno raccontato agli investigatori che quei due sconosciuti sono comparsi in camera all’improvviso e che uno aveva in mano una pistola, mentre il complice uno spray antiaggressione. Il pensionato è subito balzato in piedi, è stato colpito più volte alla testa con un oggetto, ma è riuscito a dare un pugno nello stomaco al rapinatore armato.

Servizio completo sul giornale in edicola.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy