Salta al contenuto principale

A Levico si tornerà a votare:

si è dimesso il sindaco Sartori

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

Prima aveva perso il suo assessore tuttofare Acler, poi via via le dimissioni a catena da Commissioni e incarichi di altri pezzi della maggioranza. Per il sindaco di Levico Michele Sartori gli ultimi mesi sono stati un calvario ed ora ha gettato la spugna: «Non è più possibile andare avanti» è il suo laconico messaggio. La città termale tornerà alle urne, probabilmente in primavera. E nel frattempo la Provincia dovrà nominare un Commissario per gestire l'ordinaria amministrazione. Un brutto colpo, proprio nel momento in cui il Comune deve affrontare l'emergenza del maltempo, la ricostruzione, e nello stesso momento l'avvio del Mercatino di Natale.

Per Sartori i dubbi e le critiche erano arrivate quando, in agosto, aveva accettato l'incarico professionale di direttore di Cooperfidi del Trentino; incarico compatibile per legge con la sindacatura, ma certo oneroso in termini di forze e tempo. Poi gli attacchi concentrici, tutti basati sulla stessa lamentela: a Levico le cose non vanno avanti, è tutto fermo, stiamo perdendo i treni. E infatti lui aveva ammesso: «Dobbiamo ritrovare slancio, vedremo se è possibile». Ma adesso la corsa è finita. Al capolinea.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy