Salta al contenuto principale

Lido Manazzon rimesso a nuovo

con scivoli da 9 metri e le onde

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 59 secondi

Ci saranno anche i nuovi scivoli per grandi e piccini nel riqualificato lido Manazzon di via Fogazzaro. È stato lungo, in consiglio comunale, negli anni scorsi,il dibattito sul che fare del sistema piscine del capoluogo. Alla fine, la decisione è stata quella di realizzare la nuova struttura natatoria “olimpionica” in zona Ghiaie, a Trento sud, con vasca da 50 metri, vasca per i tuffi con trampolini e piattaforma: una struttura destinata a sostituire l’attuale piscina coperta di via Fogazzaro (la vasca da 25 metri) e la vicina vasca da 50 metri del lido Manazzon.

Quando sarà realizzato il nuovo impianto coperto nell’area sportiva delle Ghiaie, sarà chiusa la piscina coperta di via Fogazzaro e sarà realizzata una nuova vasca con diverse funzioni al posto di quella attuale da 50 metri.

Questione di anni. Intanto, la decisione del Comune è quella di riqualificare la parte esterna del lido Manazzon, considerandone la centralità: l’ubicazione, l’accessibilità con i mezzi pubblici, il soleggiamento e le potenzialità, in termini di spazi, sono tutti elementi che lo rendono di per sé attrattivo. Già oggi, il lido accoglie nella stagione estiva circa sessantamila utenti. Inoltre, è inserito in un impianto sportivo polifunzionale (palestra multifunzione, sala pesi e sala con tatami) ed è vicino a scuole e parchi pubblici.

La sua riqualificazione, in attesa del riassetto complessivo del sistema piscine, comporterà una spesa di 1.675.000 euro (1,45 milioni a base d’asta). Il progetto esecutivo approvato dalla giunta e redatto da un gruppo misto composto dagli architetti Stefano Ravelli e Nicola Predelli del Servizio attività edilizia del Comune e dal libero professionista ingegner Lorenzo Strauss, prevede la realizzazione di un sistema di acquascivoli, da 9 metri di altezza, adiacente all’edificio palestra, con spirali e arrivo con ricevimento ad imbuto in vasca, e un multipista rettilineo a tre corsie con arrivo a canale. Sarà realizzato anche uno spray park per i più piccini, ampliando l’esistente piscina baby. E nella vasca da 25 metri, alta 1,20 metri, sarà sistemata una “boccia” centrale per generare un moto ondoso artificiale.

L’importo messo a bilancio con l’ultimo assestamento di luglio, 1,5 milioni di euro, permetterà di realizzare anche nuovi allestimenti non acquatici: oltre la ferrovia è previsto un campo di beach volley con fondo in sabbia e, a fianco, saranno posizionati due tavoli da ping pong. Visto che la riqualificazione è il presupposto per un ulteriore incremento dell’utenza, i progettisti, in accordo con l’ufficio sport del Comune e con Asis, il gestore, hanno previsto il potenziamento dei servizi di supporto: i servizi igienici passeranno da 6 a 18 unità, razionalizzando gli spazi attuali, e saranno realizzati nuovi gruppi doccia all’esterno. L’avvio dei lavori è previsto per settembre 2020, passata la stagione estiva, l’ultimazione nel giugno del 2021.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy