Salta al contenuto principale

Sanbapolis, palestra «usurata»

«C'è scarsa manutenzione»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 57 secondi

La palestra di Sanbapolis ha riaperto i battenti da un mese, con i consueti orari, che sono dalle 12 alle 22.30 nei giorni feriali e dalle 9 alle 22, nelle giornate di sabato e domenica. I prezzi sono di 12 € per il giornaliero, scontato a 10 per i soci Cai- Sat, 8 € per guide alpine e istruttori e accademici Cai, studenti universitari, 6 € per gli junior. I bambini entrano gratis e per le famiglie il pacchetto è di 30€. Ci sono poi gli abbonamenti.

L’inverno scorso gli ingressi nella struttura di Trento sud sono stati dalle 200 alle 300 persone al giorno ma molti arrampicatori che si allenano nella palestra di roccia Sanbapolis ci hanno manifestato grosse preoccupazioni. Da quando, dopo la pausa estiva, ha riaperto lamentano una serie di disservizi e la struttura si presenta con delle criticità.

Ce ne parla Fabio Bertoni, forte alpinista e scalatore, assiduo frequentatore, per gli allenamenti, della palestra d’arrampicata: «Sono molto preoccupato e anche un po’ deluso, da come la palestra d’arrampicata di Sanbapolis è tenuta dopo la riapertura estiva. La situazione è davvero critica, perché la palestra non è per nulla pulita.  Le prese sono sporche e impolverate, nessuno le ha pulite dopo il periodo di vacanza. Non ci sono poi a disposizione nemmeno gli imbraghi e le scarpette, che solitamente vengono affittati – dice Bertoni – per poter arrampicare con la necessaria comodità e sicurezza. Io come tanti altri abbiamo fatto presente la situazione, ma non è successo nulla. Siamo in molti ad essere preoccupati, perché la palestra per funzionare bene deve essere a posto e chi la usufruisce per allenarsi ha il diritto, visto che paga l’ingresso, ad avere un servizio funzionale. Alcuni settori sono chiusi con corde vecchie, che per la sicurezza vanno sostituite almeno una volta all’anno».

La palestra d’arrampicata è data all’Opera universitaria e la gestione è a in appalto alla cooperativa Abc Dolomiti, che ha sede in val di Fiemme. Alla richiesta se è possibile affittare un imbrago e le scarpette la risposta, gentile, degli incaricati è effettivamente un «no», perchè da quando la palestra è stata riaperta dopo la pausa estiva queste attrezzature non sono state rinnovate e gli armadietti sono vuoti. Anche qualche via è chiusa, perchè le corde sono da sostituire avendo una certa usura e non garantiscono più la tenuta. Un peccato ci siano queste carenze in una struttura che per mantenersi all’avanguardia ha bisogno di manutenzione e interventi costanti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?