Salta al contenuto principale

Sandoz, sindacati in allarme:

produzione trasferita in Asia

a rischio 250 posti di lavoro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 53 secondi

Sandoz è uno dei giganti della zona industriale di Rovereto, ma potrebbe presto andarsene, se il gruppo internazionale decidesse di delocalizzare le produzioni in Asia. Con gravi conseguenze per i circa 200 addetti. Oltre ai dipendenti Sandoz, poi, i colleghi contrattualizzati Pulirapid (60 persone, di cui 40 in produzione).

La cornice generale è quella di uno stabilimento che aveva già programmato una riconversione produttiva: era previsto un piano investimenti tra il 2019 e il 2020, per il trasferimento a Rovereto di alcune produzioni del gruppo Novartis. E già nel 2014 era stata annunciata la cessione della divisione Animal Health all’azienda Elanco. L’obiettivo era chiaro: spostarsi dalle attuali produzioni a minor valore aggiunto (la Tiamulina, un antibiotico ad uso veterinario) a quelle future a maggior valore aggiunto, come l’atteso farmaco antirigetto, in produzione da 2020. Ma questo - affermano i sindacati - non potrà entrare in produzione prima del 2020. Con uno stop pesantissimo.

Dall’azienda ufficialmente le bocche sono cucite, anche per rispetto ai sindacati, con cui il confronto è previsto per oggi.

Così spiega l’allarme di Mario Cerutti, Cgil: «La situazione mi sembra molto grave, sia nell’immediato, sia per la tenuta a lungo termine dello stabilimento». Sulla stessa lunghezza d’onda Osvaldo Angelini (Uil): «Avevamo informazioni molto meno pesanti, ed eravamo già preoccupati. Ora lo siamo molto di più». Mentre Ivana Dal Forno (Cisl) invita ad aspettare: «Inutile agitarsi finché, nelle prossime ore, l’azienda non chiarirà la situazione. Solo poi sarà possibile fare una valutazione:ora non c’è nulla di definito».

«Siamo preoccupati, ma nel contempo determinati ad affrontare la situazione con tempestività e massimo impegno». Così l’assessore provinciale allo sviluppo economico e lavoro, Achille Spinelli, commenta la notizia secondo la quale la Sandoz di Rovereto, industria che produce farmaci generici, sposterà in Asia una parte preponderante della propria produzione.

«Un fulmine a ciel sereno – ha detto Spinelli – che andrebbe ad incidere negativamente dal punto di vista occupazionale su una zona, quella di Rovereto, colpita da altre crisi aziendali. Abbiamo già preso contatto con gli amministratori dell’azienda e con le forze sindacali e fisseremo al più presto un incontro, prima di tutto per capire la vera entità della situazione e poi per mettere in campo le opportune soluzioni che possano garantire i lavoratori. Useremo tutti gli strumenti a nostra disposizione».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy