Salta al contenuto principale

La Strongman Run è in crisi

Crolla il numero degli iscritti

Chiudi

Rovereto: Strongmanrun 2014

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

La Strongman Run ha il fiato corto. Ad una quarantina di giorni dal via della settima edizione (il via il 22 settembre prossimo), le iscrizioni sono ferme a poco meno di 1.300. Non un dato pessimo in assoluto - sono numeri sufficienti per mantenere la «corsa pazza» nel novero degli eventi «sportivi» più partecipati del Trentino - ma molto distante dai livelli di tre e quattro anni fa, quando i runner variopinti erano circa seimila.

In teoria le iscrizioni sono aperte fino al giorno precedente la gara, quindi il gap potrebbe essere colmato. Ma è una prospettiva improbabile. Sia perché i costi delle iscrizioni sono ora i più alti, 50 euro per singolo corridore (fino al 31 luglio scorso erano 45 euro, e nella finistra tra il 18 e il 24 dicembre scorso 35 euro), sia perché la flessione dei partecipanti alla gara è una dinamica costante degli ultimi anni: nel 2014, l’anno del record, alla partenza in via Dante c’erano 6mila corridori. L’anno successivo erano 5.500, nel 2016 3.600. L’anno scorso «solo» duemila. Meno anche della prima edizione, quando la Strong fece per la prima volta capolino in Italia, importata dall’allora assessore allo Sport Franco Frisinghelli: all’epoca si contarono 2.500 pionieri.



Per parte sua la Rcs, che organizza da sempre l’evento, si dice fiduciosa. «Non sappiamo ancora i numeri certi delle iscrizioni - commenta Andrea Trabuio - ma stiamo lavorando con fiducia alla corsa di settembre».

Una corsa che forse ha fatto il suo tempo. Ma non c’è solo il venir meno dell’«effetto novità» dietro la flessione della Strongman Run. Proprio il successo imprevisto della «corsa pazza» di Rovereto ha fatto nascere nel resto d’Italia negli ultimi cinque anni «imitazioni» un po’ dappertutto. Dalla corsa «spartana» a quella «colorata», decine di eventi - anche nello stesso Trentino - che a grandi linee erano copie delle caratteristiche principali della Strong: percorso ad ostacoli, non competitività, largo spazio alla goliardia ed all’«extra corsa». Perché fin dalla seconda edizione la Strongman Run è stata per Rovereto un evento di marketing territoriale prezioso per l’indotto economico, a cominciare dall’ospitalità. Del resto anche i numeri di oggi sono sufficienti per riempire la capacità ricettiva di Rovereto e Vallagarina.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?