Salta al contenuto principale

Motoseghe con proteste

Via gli alberi in viale Trento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 15 secondi

Davanti a un gruppo di manifestanti questa mattina sono stati abbattuti quasi tutti gli alberi di viale Trento a Rovereto, da giorni al centro di polemiche.

«Consegneremo alla città una viale completamente riqualificato e ripiantumato e soprattutto più sicuro», afferma il sindaco Francesco Valduga.

«Stiamo procedendo nell’ambito di un progetto che è stato ampiamente spiegato e quindi partecipato alla cittadinanza, nonché votato nella competente circoscrizione (13 a favore, 1 astenuto). Consegneremo alla città una viale completamente riqualificato e ripiantumato e soprattutto più sicuro. Dalle prime valutazioni sulle piante tagliate sembra infatti emergere con evidenza che la situazione era probabilmente più grave di quanto ci fosse stato prospettato e questo ci conforta ulteriormente rispetto al nostro operato. Abbiamo - inoltre - a maggior ragione il dovere di procedere quando si cerca di destabilizzare le istituzioni ricorrrendo allo strumento dell’offesa, della calunnia e della gratuita denigrazione, pertanto quando si agisce alimentando la strategia della tensione come strumento di lotta, le istituzioni non devono retrocedere di un millimetro».


«Dalle prime valutazioni sulle piante tagliate - aggiunge - sembra infatti emergere con evidenza che la situazione era probabilmente più grave di quanto ci fosse stato prospettato e questo ci conforta ulteriormente rispetto al nostro operato».
«Abbiamo, inoltre, a maggior ragione il dovere di procedere quando si cerca di destabilizzare le istituzioni ricorrendo allo strumento dell’offesa, della calunnia e della gratuita denigrazione».

 


I cittadini di Rovereto stanno assistendo al taglio degli alberi di viale Trento.

 


 

Cadono gli alberi in viale Trento, sotto l'occhio arrabbiato a deluso dei cittadini che da giorni manifestano il dissenso verso l'abbattimento. Le proteste sono andate avanti per tutta la giornata di ieri e nella notte, ma questa mattina le motoseghe non hanno avuto pietà. Insieme al gruppo di residenti difensori degli alberi, anche le forze dell'ordine.

Ieri pomeriggio, ai giardini alla Pista di via Dante, il comitato «Salviamo gli alberi di viale Trento» ha invitato associazioni e cittadini ad una riunione operativa per organizzare la forma di protesta contro il taglio degli alberi di viale Trento.

Assieme al gruppo di residenti del Brione che da un anno chiedono al Comune di non abbattere gli ippocastani c'erano anche l'ex sindaco, e consigliere comunale del Pd, Andrea Miorandi, l'ex portavoce dei Verdi Pino Finocchiaro e il consigliere eletto con M5s Paolo Vergnano. 

Gli attivisti oggi cercheranno di bloccare il cantiere pur senza forzature eccessive. L'ordinanza, d'altro canto, vieta il transito in viale Trento e qualsivoglia manifestazione o assembramento dalle 5 alle 18. Per questo il movimento ha deciso di passare la notte in viale Trento, accampato sotto le piante anche se qualcuno si è offerto di salire sugli alberi come estremo tentativo di salvarli dalle motoseghe.

Da questa notte i cittadini hanno iniziato a «fare la guardia» agli alberi del viale:

 

 

Che in piazza del Podestà si temesse una protesta dura, d'altro canto, era previsto. Tant'è che, a sorpresa, l'amministrazione ha deciso di convocare l'azienda incaricata di «sfrondare» viale Trento alle prime luci della domenica con il rischio, assai concreto, di attirarsi le ire di chi abita in viale Trento che sarà svegliato all'alba dal fragore delle motoseghe e dai fischietti di chi lotta per salvare gli alberi.

Intanto, la ditta incaricata di abbattere gli alberi ha iniziato a segare prima delle 7 di mattina:

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?