Salta al contenuto principale

Allarme nel Garda veronese:

le sarde di lago risultano

contaminate da Pfas cancerogeni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 48 secondi

Non solo un vasto bacino del Veneto è contaminato da sostanze chimiche velenose e potenzialmente cancerogene (che sono ormai in circolo nel sangue della popolazione). Anche la sarda di lago, l’agone del Garda, contiene Pfas. A rivelarlo è uno studio del Cnr Irsa redatto da Stefano Polesello nel 2018.

Vincenzo Cordiano, cardiologo vicentino, responsabile di «Isde - Medici per l’ambiente del Veneto», chiede che si vieti la pesca e soprattutto il consumo di questa specie tipica del Benaco.

In Italia non c’è una legge che regolamenti i limiti di Pfas (sostanze perfluoro alchiliche), «ma solo delle linee indicate dall’Istituto superiore della sanità», per cui non c’è nessun obbligo di vietare il consumo della sarda di lago; Vincenzo Cordiano, però, attraverso le pagine del quotidiano L’Arena di Verona, pur ricordando che, secondo i valori di tolleranza vigenti, l’agone del Garda «risulta a posto», spiega che sarebbe meglio attenersi alle indicazioni dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa): «Le cifre che risultano, bastano a far superare la dose massima di assunzione di sostanze perfluoro-alchiliche da parte dell’uomo previsti nell’ultimo parere dell’Efsa».

E dunque dopo le anguille del Garda alla diossina, per le quali è vietata la pesca e il consumo da quasi un decennio, ora è stato accertato che è presente anche l’inquinamento da Pfas, causato dagli scarichi industriali.

«Il monitoraggio sulle specie ittiche del lago di Garda - riferisce Raffaella Canepel, direttrice del Settore tecnico dell’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente - avviene in acque veronesi; a Riva del Garda la Provincia di Trento monitora invece le acque. Noi abbiamo fatto solo delle analisi sugli immissari alla ricerca di Pfas e non ne sono stati riscontrati né nel fiume Sarca né nel Varone. Può essere che ci siano nel Basso Lago agoni con presenza di Pfas; per quel che riguarda l’acqua in ingresso nel Garda risulta tutto a posto. Chiaro: i pesci si spostano. Noi sappiamo della diossina ma non del Pfas: è un settore in evoluzione, non c’è ancora una legislazione precisa».

Il neo assessore provinciale all’ambiente, Mario Tonina, riferisce di «non conoscere la materia ma di affidarsi alla professionalità della dottoressa Canepel e dell’Appa».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy