Salta al contenuto principale

Cavi tranciati: le famiglie

restano senza telefono

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 7 secondi

Disagi causa lavori nelle frazioni arcensi di San Martino e Massone. Il cantiere itinerante che nei giorni scorsi è partito da Bolognano per posare la fibra ottica che connetterà le scuole materne ed elementari dell’Oltersarca ha provocato non pochi problemi, lamentano i residenti.
Dopo il danneggiamento alla conduttura del gas, che ha reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco, due giorni fa la ruspa del cantiere, subappaltato dalla ditta vincitrice della gara del Comune di Arco, ha inciso il cavo telefonico, lasciando senza telefono una decina di famiglie.

«I lavori di posa della fibra ottica dureranno poco» commenta il vicesindaco Stefano Bresciani, «è importante dare alle scuole, dove si costruisce il futuro, la possibilità di essere connessi e le moderne tecnologie. Qualche disagio sì, ma niente di grave» aggiunge il sindaco di Arco Alessandro Betta.

Gli scavi lungo la strada sono iniziati dalla piazza di Bolognano la scorsa settimana, per arrivare fino a Massone e legare così tutti gli istituti scolastici. Però gli inconvenienti non sono mancati, a partire dalla viabilità: il semaforo ha creato ingorghi e disagi soprattutto all’incrocio con via Santoni.

Nei giorni precedenti era stata tranciata la tubatura del gas lungo la strada e sono intervenuti i pompieri. Oggi i tecnici telefonici lavoreranno per sanare gli ultimi danni provocati da un cantiere che, secondo gli esperti, non era facile da eseguire.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?