Salta al contenuto principale

43enne non vedente tenta

la traversata a nuoto del Garda

Partirà venerdì alle 18 da Riva, dovrebbe arrivare alle 13 del giorno dopo a Peschiera

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 0 secondi

Un'impresa davvero straordinaria quella in cui si cimenterà Alessandro Furioni, il 43enne atleta non vedente di Cassone membro del gruppo «Sat - Oltre le Vette» di Arco.

Venerdì alle ore 18.00 da Porto San Nicolò, il «delfino del lago» intraprenderà la traversata del Garda da Riva a Peschiera, per un totale di 55 chilometri e oltre 20 ore a nuoto. L'arrivo è previsto tra le ore 13.00 e 15.00 di sabato al Porto «Bruno Manfredi», condizioni climatiche permettendo. Non è la prima volta che l'atleta si cimenta in prove di questo tipo: nel 2011 Furioni percorse a nuoto 13 km da Rocca di Manerba a Garda, mentre nel 2012 superò l'impresa precedente con i 20 chilometri fatti da Punta San Vigilio a Peschiera. Ora la traversata più ambiziosa.

«Sarò assistito da una barca e da un gommone senza motore - racconta Alessandro Furioni - con l'equipaggio che in tempo reale mi darà indicazioni sulle velocità e sulle correnti. Userò la muta e le pinne, quindi compierò la traversata con il solo uso delle gambe».

La vera incognita saranno proprio le correnti, ma Fiorini è ottimista: «Le correnti del lago sono sempre imprevedibili, anche se teoricamente la notte l'acqua dovrebbe essere un po' più calda. Mi alleno da gennaio per quest'impresa, sono molto fiducioso».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?