Salta al contenuto principale

Piné: la Capannina chiusa

per 2 anni causa lavori boschivi

la protesta dei due titolari

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

Resterà chiuso a lungo il bar ristorante «La Capannina», tipico locale alpino nella pineta di Bedolpian, a ridosso del campo sportivo «Mille Pini». Riaperto da poco più di un mese, dopo gli schianti causati dalla tempesta «Vaia» di fine ottobre (nel solo Pinetano sono caduti a terra oltre 150 ettari di bosco e circa 80 mila metri cubi di legname sul versante Bedolpian-Ceramont ndr), il locale dovrà essere nuovamente chiuso per consentire l’esecuzione in piena sicurezza dei lavori di esbosco nell’area da parte della ditta boschiva, che si è aggiudicata l’asta per un importo complessivo di 1,58 milioni di euro. «Siamo consapevoli della delicatezza dell’intervento, e delle misure di sicurezza necessarie nell’area di cantiere, dove operano dei macchinari del tutto speciali - spiega Giacomo Anesi che con Davide Giovannini gestisce da due anni La Capannina immobile di proprietà dell’Asuc di Baselga - ma perché, dopo aver consentito ad aprile la riapertura del locale che non ha subito gravi danni, ci viene ora imposta una lunga chiusura estiva dell’unica struttura ricettiva della località: un prezioso punto d’appoggio per turisti e residenti che frequentano la pineta. Paghiamo i ritardi nell’avvio dell’esbosco nell’area attigua al bar-ristorante (il capitolato d’asta prevedeva l’intervento prioritario in una zona di 100 metri attorno al locale e al campo sportivo), mentre è stato impossibile confrontarci e trovare una soluzione con l’Asuc di Baselga, alla quale ora chiediamo il rimborso del canone di locazione annuale ed i mancati guadagni». Oltre alla chiusura de «La Capannina» sembra intenzione dell’Asuc chiudere al traffico anche la strada che sale dalla frazione di Ricaldo, ma ogni decisione è rimandata alla prossima riunione del Comitato, chiamato a designare anche il nuovo presidente e capofrazione, dopo le elezioni del 8 aprile. «Siamo in presenza di una calamità naturale imprevedibile e mai successa negli ultimi 150 anni - spiega l’assessore comunale all’ambiente Bruno Grisenti - Non entro nel merito dei rapporti tra Asuc e gestori del locale, ma qualche sacrificio va fatto da parte di tutti per ripristinare e recuperare a pieno il nostro territorio. A breve in un incontro pubblico illustreremo la situazione delle passeggiate del lago di Serraia (ancora chiuse a bici e pedoni). Senza precise normative e risorse provinciali l’azione di recupero e messa in sicurezza del versante spetta ai privati titolari della particelle boschive del Doss del Lago».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy