Salta al contenuto principale

Trattativa per Castel Pergine

il Comitato si arrende

Ritenuta troppo stringente la richiesta di una fideiussione

Chiudi

Il castello di Pergine, in vendita

Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 20 secondi
Game over, capitolo del tutto (o quasi) chiuso: il Comitato Castel Pergine, dopo mesi di intense trattative con i proprietari del castello, e dopo essersi riunito nella giornata di venerdì, ha deciso di gettare la spugna. A comunicare la «temporanea sospensione della trattativa per l’acquisto» è lo stesso Comitato, con un lungo comunicato.
 
A far saltare definitivamente il tavolo delle trattative, si apprende, è la condizione posta dagli stessi venditori di una fideiussione incondizionata e a prima richiesta: un «vincolo» troppo stringente, ritenuto «sia da noi (il Comitato Castel Pergine, ndr) che dalla banca impossibile da accettare», considerando che al 31 gennaio i sottoscrittori erano 729 per un totale di 195.541,52 euro, ben lontani quindi dai 3,8 milioni richiesti dalla proprietà per l’acquisto. «Purtroppo, però, la condizione imprescindibile della fideiussione - si legge nel comunicato - presente sia prima che dopo il 2 novembre è stata ritenuta dai venditori maggiormente garantista rispetto alla volontà popolare di una comunità, di centinaia di sottoscrittori, del Comune, della Cassa Rurale e della Provincia».
 
E, fra le righe, si intuisce che a lottare contro questo cavillo burocratico c’è stato non solo l’attuale presidente del Comitato, Carmelo Anderle, ma anche Michele Andreaus, il primo presidente che da aprile a novembre 2017 ha portato avanti le trattative, fino alla mancata firma del preliminare, a seguito anche della mancata partecipazione al bando provinciale che avrebbe visto assegnare al Comitato ben 2 milioni di euro, che era attesa il 2 novembre scorso.
 
«Il contratto preliminare di compravendita era pronto - prosegue il comunicato - e la volontà più volte manifestata dagli eredi di Mario Oss di voler cedere il maniero alla comunità di Pergine e la disponibilità di Theo Schneider e Verena Neff per un affiancamento alla gestione durante questo 2018, lasciavano ben sperare. Da parte nostra, della banca e dei nostri consulenti è stato posto un solo vincolo prudenziale a salvaguardia della costituenda Fondazione e del futuro Consiglio di gestione oltre che del Comitato stesso e cioè che l’acquisto fosse vincolato all’ottenimento del contributo pubblico che sarebbe stato assegnato attraverso un bando. Senza tale risorsa il progetto popolare, e non speculativo o commerciale, fine a se stesso, non è realizzabile».
 
Ed è a questo punto, quindi, che il comunicato del Comitato Castel Pergine lancia una frecciata diretta agli eredi di Mario Oss, i proprietari attuali del castello, ossia le figlie Barbara, Anna Katharina e Cornelia, rappresentate dall’avvocato Ulrich Benz: l’accusa è quella di aver messo in secondo piano lo spirito che ha mosso centinaia di perginesi, trentini e non solo per un progetto unico, che voleva che a diventare proprietari del castello fosse non una singola persona o entità, ma tutti, indistintamente, quelli che si sentono legati al castello per i più svariati motivi.
«Ciò contro cui abbiamo lottato in questi ultimi due mesi - si legge - è un cavillo ritenuto prevalente rispetto all’affidabilità dell’intera comunità perginese, che ha abbracciato il progetto in tutte le sue componenti pubbliche e private. E questo nonostante da parte degli eredi di Mario Oss la nostra proposta sia sempre stata, a parole, ritenuta meritevole della massima stima e sia stata abbracciata con entusiasmo fin dall’annuncio di ormai quasi un anno fa, ad aprile 2017».
 
«Ora - si conclude - pur lasciando uno spiraglio aperto nel caso di un ripensamento da parte della famiglia Oss su un dettaglio che è sì importante, ma forse non determinante al fine di portare a buon fine la trattativa posto il contesto in cui si svolge, il Comitato convocherà l’assemblea dei sottoscrittori per decidere collettivamente il da farsi, se restituire le somme versate o assumere insieme altre decisioni».
 
Di quasi un anno di trattative, quindi, non rimangono che parole, tante, spese dal Comitato, dai molti volontari, dalle tante persone che hanno creduto al progetto e che comunque facevano sempre ben sperare in un esito positivo. Parole che, però, non sono state sufficienti a far concludere in maniera positiva la trattativa. Game over. E il futuro del castello, ora, torna ad essere avvolto nella nebbia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?